Svezzamento

Svezzamento: 10 regole

Foto del Profilo
di Mara Martini il
Commenti (0)

Lo svezzamento dovrebbe essere una tappa quanto più naturale e spontanea possibile nel percorso alimentare dei bebè. Per questo, è bene evitare forzature e ‘passi falsi’.

Ecco 10 ‘regole’ – o per meglio dire, consigli – da seguire per assicurare a vostro figlio uno svezzamento “doc”, ma sempre senza farsi prendere dell’ansia!!!

1) Non iniziare lo svezzamento quando il piccolo è malato, indisposto, febbricitante, ha crisi di pianto etc.

2) Cercare di stare nei tempi consigliati, perciò: non prima del compimento del 5° mese e non oltre il 6°.

3) Passare dal latte agli altri cibi in maniera molto graduale.

4) Introdurre i vari alimenti uno alla volta, ogni 7 giorni. In questo modo, potrete individuare facilmente eventuali allergie e rimuoverne subito la causa.

5) Incominciare con piccole dosi, via via crescenti.

6) Se il piccolo rifiuta un alimento, non riproporglielo insistentemente e immediatamente, ma sospendetelo per un po’ e solo dopo qualche tempo provate a reinserirlo.

7) Non somministrare latte vaccino fino ai 12 mesi.

8) Non aggiungere sale, dadi da brodo e altri insaporitori alle pappine.

9) Una volta aperti i vasetti, conservare le pappe omogeneizzate avanzate ben chiuse nel frigorifero – per un massimo di 24 ore quelle a base di verdure e carni, fino a 48 quelle di sola frutta.

10) Se scegliete di preparare in casa gli omogeneizzati, fateli bollire a lungo e – se volete conservarli per i giorni o le settimane a seguire – porzionateli in piccoli contenitori e riponeteli nel freezer appena dopo la cottura.

 

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti