Gravidanza

Tutto sulla maternità anticipata

Foto del Profilo
di Valeria Notaro il
Commenti (0)

La maternità anticipata permette alla donna incinta di avere un esenzione al lavoro prima del settimo mese di gravidanza, questa possibilità è riconosciuta dagli articoli 16 e 17 del D. Lgs. 150/2001 ed è possibile in tre casi:

  • Quando la gravidanza è a rischio
  • Quando l’ambiente di lavoro è pericoloso per il feto o per la donna
  • Quando la donna svolge un lavoro faticoso e non può essere spostata a fare altre mansioni.

È intuibile che la maternità anticipata è possibile solo per quelle donne che hanno un lavoro dipendente, mentre per le libere professioniste, lavoratrici autonome, lavoratrici in cassa integrazione o in mobilità, questa possibilità non è prevista.

Vediamo ora come presentare la domanda per la maternità anticipata.

In caso di gravidanza a rischio, la domanda di maternità anticipata deve essere presentata all’Asl di competenza, insieme alla domanda bisogna presentare il certificato medico di gravidanza e quello che attesta le complicanze.

Se il ginecologo che ha compilato i certificati fa parte del servizio sanitario nazionale, allora quel certificato è sufficiente, se invece il ginecologo non esercita in ospedale ma solo privatamente, allora il Servizio Sanitario Nazionale dovrà effettuare, entro 7 giorni, un accertamento, se la richiesta di controlli non arriva in questo lasso di tempo, allora la domanda è da ritenersi accolta.

Se la donna incinta non può più eseguire il suo lavoro a causa dell’ambiente non salutare per lei o per il feto o in caso di lavoro faticoso, la domanda può essere presentata o da lei o dal datore di lavoro.

 

 

 

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti