Non rimango incinta

Sindrome dell’ovaio policistico: un aiuto dalla cannella

Foto del Profilo
di Michela Gregoris il
Commenti (0)

Nel 2013 è stato pubblicato uno studio secondo il quale l’uso della cannella potrebbe aiutare a regolarizzare il ciclo nelle donne affette dalla sindrome dell’ovaio policistico, migliorando anche la fertilità.

bâtons de cannelle

Si tratta di uno studio preliminare condotto dal Columbia University Medical Center di New York, in cui un gruppo di donne affette da ovaio policistico che avevano assunto un integratore di cannella avevano visto quasi raddoppiare i cicli mestruali regolari rispetto a chi invece aveva assunto un placebo. Inoltre, chi aveva assunto la cannella ha in seguito avuto anche gravidanze spontanee.

Ciò potrebbe significare un enorme passo avanti per quelle donne affette dalla sindrome e in cerca di un figlio. Infatti, la sindrome dell’ovaio policistico colpisce tra il 5 e il 10% delle donne in età fertile, porta a un ciclio irregolare e, di conseguenza, spesso anche all’infertilità. Se una sostanza naturale come la cannella potesse davvero contribuire a elevare la percentuale di possibilità di rimanere incinte per quelle che donne che soffrono del disturbo, e senza effetti collaterali, sarebbe davvero un enorme passo avanti.

Gli studiosi sono ancora cauti, perché il legame diretto fra la cannella e la regolarizzazione del ciclo non è ben chiaro: pare comunque che la cannella riduca la resistenza all’insulina nei pazienti diabetici, e l’insensibilità all’insulina pare essere una delle cause proprio della sindrome dell’ovaio policistico.
Per quanto siano necessari altri studi in merito e quindi non si vogliano creare false illusioni, un aiuto in più dalla natura potrebbe diventare la soluzione per chi soffre di questo disturbo e fatichi di conseguenza a concepire un bambino.

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti