Famiglia e Tempo libero

Sicurezza in casa

Foto del Profilo
di Laura Pandolfi il
Commenti (0)

Dall’istante in cui il bambino inzia a camminare, la casa deve essere organizzata all’insegna della massima sicurezza. Almeno fino ai 18-24 mesi i divieti non servono praticamente a niente, infatti, non si può pensare di potersi affidare ad essi per contenere il bambino nella sua sana e naturale smania di fare esperienza e conoscere. Non resta allora che cercare di rendere quanto possibile le mura domestiche adatte ad ospitare l’enorme curiosità del piccolo esploratore.

Vediamo allora cosa è opportuno controllare e sistemare per fare in modo che in casa il bambino non corra il rischio di farsi male.

Impianto elettrico: se la casa è un po’ datata e non si è ancora provveduto ad installare il salvavita, oggi obbligatorio per legge, è necessario chiamare subito un elettricista per commissionargli l’istallazione. In questo modo, se ci fosse un corto circuito o una scossa elettrica, il salvavita bloccherebbe l’erogazione di corrente elettrica, evitando il rischio di folgorazione.

Pareti e pavimenti: mettere i copri-presa ovunque, perché il piccolo potrebbe infilare nei fori le dita o un oggetto sottile con il quale sta armeggiando. Infilate eventuali fili elettrici volanti negli appositi tubi. Usate le griglie anti-sdrucciolo sotto eventuali tappeti o utilizzate del nastro biadesivo che li fissi al pavimento. Controllate che il parquet non sia scheggiato.

Mobili: mettere i para-spigoli a tutte le sporgenze che si trovano ad altezza bambino, escludendo quello già con angoli arrotondati. Dotate i cassetti di fermi, tenete le sedie e i mobili lontani dalle finestre. Fissate al muro le librerie e tutti quei mobili che possono cadere in avanti. Riponete in luogo inaccessibile le bottiglie di liquore, fiammiferi, sigarette, ricordando che per un bambino l’ingestione di tabacco può avere conseguenze molto gravi.

Balconi e terrazze: fissate lungo le ringhiere una rete metallica a maglia stretta. Togliete i vasi a ridosso della ringhiera ed eliminate le sedie.

Cucina: in generale il piccolo non deve mai essere lasciato solo in cucina, soprattutto se il forno è acceso o ci sono pentole sul fuoco. Riponete i coltelli in alto, tenete gli elettrodomestici staccati dalle prese di corrente. Sistemate i prodotti per la pulizia della casa in luoghi inaccessibili per il bambino.

Bagno: fate tarare il termostato dell’acqua calda a una temperatura non superiore ai 38° per evitare che il bambino, se dovesse aprire l’acqua calda al suo massimo, si ustioni.

Insomma, molti di questi accorgimenti possono anche sembrare banali per noi adulti, ma per questo è importante pensare nella prospettiva del bambino per garantirgli la massima sicurezza quando siamo in casa.

Loading...
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti