Bimbo

Se il neonato non dorme di notte: tutto quello che devi sapere

Foto del Profilo
di Stella Ochaa il
Commenti (0)

Per quale motivo il mio neonato non dorme di notte? All’origine dell’insonnia del bebè potrebbero esserci diversi fattori, scopriamo insieme quali sono e come comportarsi.

I motivi per cui il nuovo arrivato non dorme potrebbero essere tanti. Quando ci si trova in questa circostanza è importante non spazientirsi cercando, se possibile, di individuare e porre rimedio alle possibili cause.

Quanto deve dormire il bebè?

I bambini non sono tutti uguali: alcuni bimbi sono dormiglioni, altri meno. In linea di massima, durante i suoi primi 2 mesi di vita, il neonato dorme dalle 16 alle 18 ore al giorno, facendo intervalli ogni 3-4 ore per prendere il latte.

Un neonato di 3-4 mesi dorme circa 14-15 ore al giorno. Dopo il quarto mese di vita il sonno inizia progressivamente a concentrarsi nelle ore notturne, e verso i 6 mesi alcuni bimbi riescono già a dormire tutta la notte senza mai svegliarsi.

Man mano che il piccolo cresce le ore complessive di sonno diminuiscono fino ad arrivare a 13-14 ore intorno all’anno di vita, quando il bambino si concederà giusto un paio di pisolini durante la giornata (solitamente a metà mattinata e nel primo pomeriggio).

Non dorme durante la notte: quali sono le cause?

Se il bambino, dopo esser stato nutrito e cambiato, fatica ad addormentarsi oppure ha il sonno frammentato da continui risvegli notturni, potrebbe essere il caso di indagare sulle possibili cause. Ecco le più comuni:

  • HA CALDO. Molti neogenitori tendono a coprire eccessivamente il loro bebè, per paura che possa prendere freddo e ammalarsi. Grave errore! I neonati non hanno ancora sviluppato la capacità di termoregolazione corporea pertanto, per garantire un sonno sereno, è bene mantenere la temperatura della camera da letto intorno ai 20 °C.
  • HA DORMITO TROPPO DURANTE IL GIORNO. Se il neonato passa tutta la giornata dormendo è molto probabile che passerà la notte sveglio. Cercate di mantenerlo attivo e vigile il più possibile durante le ore diurne (ovviamente senza costringerlo a stare sveglio contro la sua volontà) proponendogli giochi, stimolandolo e cercando di catturare il suo interesse in svariate attività.
  • HA BISOGNO DI CONTATTO. Alcuni neonati hanno bisogno di sentire il calore e l’odore della mamma per riposare serenamente e sentirsi al sicuro. Il lettino, seppur posto vicino al letto dei genitori, non è in grado di offrire la stessa sensazione di benessere che si prova tra le braccia della mamma. Una soluzione potrebbe essere il co-sleeping, cioè “ospitare” momentaneamente il bebè nel lettone fintanto che non sarà pronto per dormire da solo.
  • COLICHETTE DEL NEONATO. Pianto inconsolabile, gambine piegate e pancia dura: quasi sicuramente il vostro bimbo soffre di coliche. Generalmente si presentano in orario serale o notturno e proseguono, spesso, per diverse ore. Si risolvono spontaneamente intorno ai 3-4 mesi di vita, tuttavia è importante rivolgersi al pediatra in presenza di questi sintomi al fine di ottenere una diagnosi ed eventuali cure.
  • ERUZIONE DENTI. La lunga fase di dentizione comincia intorno al sesto mese di vita ma, in alcuni casi, potrebbe anticipare o tardare di diversi mesi. La sensazione di dolore intenso e malessere che caratterizza l’eruzione dei denti da latte potrebbe interferire con il sonno del neonato. In questo caso, oltre ad una buona dose di pazienza, i genitori potrebbero ricorrere ad appositi anelli per la dentizione oppure a pomate da spalmare direttamente sulla gengiva per attenuare il fastidio.
Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti