Gravidanza

Scoliosi in gravidanza

Foto del Profilo
di Laura Pandolfi il
Commenti (0)

Le donne in gravidanza che soffrono di scoliosi hanno bisogno di conoscere alcuni aspetti specifici di questa patologia, poiché devono avere una cura maggiore dei normali aspetti della gestazione. Quando le donne in attesa sono consapevoli delle complicazioni, possono evitare che la situazione si complichi ulteriormente. Vi sarà comunque di sollievo sapere che soffrire di scoliosi durante la gravidanza non esclude un parto normale.

come-combattere-mal-di-schiena-e-sciatica-in-gravidanza_e2c0672957a61b0d14f014e1ce3521cb

I ricercatori non sono ancora riusciti a svelare le ragioni ed i fattori che causano la scoliosi. Molti medici affermano convenzionalmente che non esiste una cura per la scoliosi e che può essere trattata solamente attraverso i busti ortopedici e la chirurgia. Mentre ancora non esiste un accordo sulle specifiche cause e gli specifici trattamenti, esistono dati empirici che mostrano che una buona dieta olistica, esercizi fisici personalizzati e una vita sana possono aiutare i pazienti che soffrono di scoliosi a condurre una vita felice e confortevole.

E’ importante comprendere tutti gli aspetti della scoliosi in modo da essere in grado di respingere questa patologia in maniera consapevole ed informata. Probabilmente si presenteranno specifici sintomi durante ogni fase della gravidanza che vi porteranno a chiedervi se siano causati dalla scoliosi o meno. Ad esempio, il dolore alla schiena può essere sia un normale sintomo della gravidanza, che una conseguenza della scoliosi.

Una buona idea, quindi, potrebbe esser quella di comunicare al vostro ginecologo che soffrite di scoliosi e magari far comunicare il vostro ginecologo con il medico o il chiropratico che vi ha in cura per la scoliosi in modo che possano confrontare i loro appunti e offrirvi l’alternativa migliore in termini di alimentazione, esercizio fisico ed assistenza prenatale.

Il peggioramento della scoliosi in gravidanza è possibile anche per effetto della relaxina, un ormone che viene prodotto durante i nove mesi per ammorbidire la zona della pelvi e che potrebbe rendere più cedevole anche la colonna vertebrale. Non c’entra invece il pancione, poiché in realtà la presenza del bambino e l’aumento del volume dell’utero creano una specie di sostegno che impedisce alla schiena di curvarsi.

Ricordate quindi che è possibile affrontare la maternità anche con una scoliosi seria se si imposta con il terapista un programma di esercizi mirati per rinforzare i muscoli che sostengono la colonna. Gli esercizi andrebbero fatti per 10-15 minuti al giorno, cominciando fin da prima del concepimento e proseguendo circa per sei mesi o un anno dopo il parto.

Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti