Rimanere Incinta

Rimanere incinta dopo il parto: istruzioni per l’uso

Foto del Profilo
di Elena Cerboncini il
Commenti (0)

Per alcune donne è un desiderio: l’idea di avere due fratellini con poca differenza d’età le riempie di gioia, nonostante siano consapevoli che crescere due bimbi piccoli a distanza ravvicinata sia massacrante.
Per altre, invece, la possibilità di rimanere incinta a pochi mesi dal parto è una fonte d’ansia tale da portarle a rinunciare ad una serena ripresa della vita sessuale di coppia.
Ecco intanto alcune informazioni, visto che sull’argomento sembra esserci un pizzico di confusione…Se una donna allatta il bebè, le prime mestruazioni arriveranno anche diversi mesi dopo il parto, in alcuni casi entro un anno. Questo non significa che la donna non sia potenzialmente fertile: vero è che la prolattina, l’ormone che regola la produzione di latte, inibisce l’ovulazione, ma il concepimento non è impossibile, anche in assenza della comparsa del capoparto, ovvero della prima mestruazione dopo il parto.
Per le donne che non allattano di solito l’ovulazione ricomincia dopo 45-90 giorni dal parto, ma non esistono regole, le situazioni sono soggettive…ed anche dopo la prima mestruazione, i cicli e le ovulazioni potrebbero rimanere irregolari per un po’. Fattore che rende più difficile sia una pianificazione della gravidanza, per chi lo desideri, che un’utile contraccezione, per chi tema l’arrivo di un’altra cicogna!
Le donne che allattano e desiderano proteggersi a gravidanze indesiderate, potranno optare per una speciale pillola senza estrogeni, conciliabile con l’allattamento.
Chi cerchi una gravidanza in questa fase di cicli appena ricomparsi e irregolari, potrebbe utilizzare il metodo della temperatura basale, meno oneroso economicamente degli stick, considerato che l’ovulazione potrebbe farsi attendere nel corso dei mesi…Meglio però ricordare, in questo caso, che l’organismo è già affaticato dalla precedente gravidanza, e che in caso di taglio cesareo sarebbe meglio attendere un anno dalla nascita del bebè prima di tentare il concepimento: i tessuti dell’utero lungo la cicatrice devono aver tempo di rimarginarsi molto bene, onde scongiurare il rischio di una rottura dell’utero durante la seconda gravidanza.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti