Psicologia infantile

Quando il bimbo è troppo attaccato alla mamma: come non farlo diventare un mammone

Foto del Profilo
di Daniela Bottarelli il
Commenti (0)

Tra i 18 ed i 24 mesi, il bambino va incontro ad un periodo di regressione. A quest’età è del tutto normale che il bambino sia particolarmente attaccato alla mamma: dopo le esplorazioni autonome condotte durante i mesi precedenti, sembra ora tornare frequentemente da lei non soltanto per ricevere conforto e sicurezza in ogni momento, ma anche per condividere con lei le nuove esperienze di vita.

A volte, però, l’attaccamento del bambino può diventare davvero eccessivo: per esempio, si attacca alle gambe della mamma, tendendo disperato le braccia verso di lei, piange ogni volta che lei non c’è e quando la vede la ricopre di baci e di coccole. Una situazione che inevitabilmente mette in crisi anche la mamma, forse un po’ disorientata da un bambino che in alcuni momenti vuole essere tanto intraprendente e autonomo, mentre un attimo dopo le si attacca alle gambe pieno di scoramento. Può, quindi, sentirsi combattuta fra il senso di colpa, soprattutto se deve lasciare il bambino a qualcun altro, e il senso di oppressione in cui si sente intrappolata (i primi distacchi non sono faticosi solamente per il bambino, ma anche per la mamma).

MAMMONE

Che cosa possiamo fare noi mamme per facilitare il distacco del nostro cucciolo?.

Innanzitutto, rispettare l’oscillazione del bambino tra la voglia di andare e la paura a lasciare: a questo scopo occorre accompagnare il bimbo pian piano con piccole esperienze che lo abituino a “sperimentarsi” senza mamma per qualche momento, a scoprire che può farcela anche se lei non c’è e soprattutto a rassicurarsi che lei torna comunque sempre da lui. Per esempio, può essere utile uscire e lasciarlo più spesso con il papà che, in questo momento, gioca un ruolo di primo piano proprio per la sua possibilità di rendere più equilibrato il rapporto mamma-bambino.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
si parla di
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti