Alimentazione

Quando arriverà la montata lattea?

Foto del Profilo
di Mara Martini il
Commenti (0)

Alcune mamme – specie se al primo figlio – si preoccupano perché non producono latte immediatamente dopo il parto. In realtà, occorre qualche giorno perché arrivi la cosiddetta montata lattea”, che è preceduta dalla secrezione di un altro liquido, il colostro – sostanza dall’aspetto denso e giallastro, meno nutriente ma più digeribile del latte, e perciò adatta come primo alimento del neonato.

Allattamento-al-seno-il-colostro

Come dicevamo, la produzione del latte richiede un tempo che va all’incirca dai 2 ai 7-8 giorni dal parto, o comunque dalla data del “primo attaccamento”. E’ importante, a questo proposito, considerare che tanto prima il piccolo verrà attaccato al seno (si consiglia di non aspettare più di 2 ore dalla nascita) e comincerà a succhiare, tanto più precocemente arriverà il latte: è, infatti, proprio l’atto della suzione a stimolare la ghiandola mammaria, sia all’inizio che in seguito, quando si sarà instaurata la routine giornaliera delle poppate.

L’approssimarsi della montata (che dal punto di vista biochimico è determinata dal calo del progesterone) è indicato da alcuni segni fisici, quali: aumento di volume dei seni, sensazione di calore, tensione, turgore e appesantimento, e anche fuoriuscita dal capezzolo di alcune gocce del prezioso liquido bianco con una semplice pressione dell’areola – tutti “sintomi” che andranno ad attenuarsi quando il latte comincerà ad essere secreto, per poi ripresentarsi nelle immediatezze di ogni poppata successiva, cioè quando i seni saranno di nuovo colmi di latte. Allo stesso tempo, la frequenza degli attaccamenti del bebè e le sue richieste “tareranno” e regolarizzeranno la quantità di latte secreta nell’arco della giornata. 

Per quanto riguarda l’alimentazione, è importante che la neomamma segua una dieta variata, limitando cibi grassi e insaccati e abolendo del tutto l’alcool, e soprattutto che beva a sufficienza – specialmente se il clima è caldo – l’acqua e le altre bevande consentite. Per un aiuto in più, si può consumare del finocchio, così com’è o – meglio ancora – sotto forma di infuso, dalle riconosciute proprietà galattogene. Infine, un atteggiamento sereno e rilassato potrà di sicuro agevolare la produzione del latte.

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti