Coppia e Gravidanza

Perché lui non vuole fare l’esame seminale

Foto del Profilo
di Maris Matteucci il
Commenti (0)

L’infertilità è sempre un tema abbastanza delicato, sia che colpisca la parte femminile che quella maschile di una coppia. Ma mentre le donne si dimostrano statisticamente più propense ad effettuare tutti gli esami del caso per scongiurare l’ipotesi di essere poco fertili, per gli uomini la questione è decisamente più complicata.

Sperm_stained

Occorre non generalizzare – perché ci sono uomini che con grande tranquillità accettano di fare tutti gli esami consigliati dal ginecologo affinché si possa escludere un problema oggettivo – ma sono tanti quelli che rifiutano categoricamente l’idea di sottoporsi a spermiogramma, che altro non è che l’analisi del liquido seminale. Tra le cause del mancato arrivo di un figlio, infatti, può esserci proprio l’assenza di spermatozoi nel liquido seminale. Lo spermiogramma, allora, è l’esame più indicato per capire se davvero il problema sia da ricollegare allo sperma dell’uomo.

Molti uomini però hanno serie difficoltà ad accettare l’idea di mettersi in discussione. Ma perché? I motivi possono essere molti, e quasi tutti sono di tipo psicologico. Molti ginecologi credono infatti che per l’uomo l’idea di fare l’esame seminale significhi in qualche modo mettere in discussione la propria virilità. Ma per tanti altri il problema sta proprio nella modalità attraverso la quale ci si sottopone all’esame. L’idea cioè di dover per forza di cose “consegnare” agli addetti ai lavori il proprio sperma mette molto a disagio l’uomo che non sempre, nel momento in cui arriva in clinica per compiere questa azione, riesce a portarla a termine. Molto spesso l’idea di ritrovarsi nel bagno dell’ospedale, in una situazione che di certo non mette a proprio agio, è l’ago della bilancia che induce gli uomini a evitare, fino a che possibile, quell’esame.

Come alleggerire quel momento? L’idea è quella di parlarne con il ginecologo di fiducia che potrà indicare la strada migliore. Spesso, specie se a dare il via libera è proprio il medico, il liquido seminale può essere raccolto a casa e poi portato direttamente in laboratorio, entro due ore. Magari l’ambiente più familiare aiuta l’uomo a raccogliere il proprio seme per essere poi analizzato. Costringere l’uomo a sottoporsi all’esame seminale potrebbe diventare motivo di discussione nella coppia: la cosa fondamentale, allora, è mantenere la calma.

 

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti