Rimanere Incinta

Non ho l’istinto materno

Foto del Profilo
di Michela Gregoris il
Commenti (0)

Sono molte le mamme in attesa, o anche coloro che semplicemente stanno pensando di mettere su famiglia, a domandarsi se l’istinto materno sia innato o meno, se si può coltivare, se sia presente in loro e magari a preoccuparsi che esso possa non nascere nel loro cuore. Ma è davvero possibile?

È chiaro che non c’è una regola che valga per tutte, e che ogni persona è diversa dalle altre. C’è chi vuole diventare mamma da quando è ancora una bambina, chi non ci pensa finché non capita di rimanere incinta, chi fino agli ultimi mesi di gravidanza continua a fare le solite cose senza pensare troppo al futuro e al fatto che presto una nuova creatura sarà parte indissolubile della sua nuova vita. Ma allora, l’istinto materno quando nasce?

Difficile dirlo, così come è difficile definirlo, certo è che solitamente quando si mette al mondo un bambino si crea subito un legame istintivo e paragonabile e nient’altro fra madre e figlio. Il contatto visivo, la prima volta che si attacca al seno o quando si riconosce l’inconfondibile profumo del proprio neonato: è in quel momento che alcune mamme riconoscono la nascita dell’istinto materno.

A volte invece avviene più tardi, quando tutta la novità dell’evento si placa e ci si rende finalmente conto che ora c’è una persona indifesa che si appoggia totalmente a noi e che abbiamo il dovere di proteggere e difendere.

Ogni esperienza, per ciascuna madre, è sicuramente unica e difficilmente definibile, per questo chi è in dolce attesa e si preoccupa di non sentire l’istinto materno, dovrebbe innanzi tutto cercare di non perdere la calma e rilassarsi: spesso ci si lascia sopraffare dalla fatica, dalla frenesia delle giornate sempre troppo piene di impegni e non si riesce a visualizzare con precisione qual è la portata dell’evento che ci attende.

La cosa migliore è quindi quella di vivere la gravidanza con la maggiore serenità possibile, ricordando che si tratta dell’evento più naturale della vita di una donna, che la renderà più ricca ma ne stravolgerà anche prospettive e punti di vista. Che sia scritto nel DNA o meno, l’istinto materno nella maggior parte dei casi si manifesta spontaneamente, forse proprio nel momento in cui non ce ne preoccupiamo.

I casi di rifiuto, invece, durante il parto o dopo la nascita, purtroppo esistono ma non sono certo la norma; in casi del genere, o sospetti, la cosa migliore è rivolgersi a un terapeuta che possa individuare e definire le cause di tale comportamento in modo da insegnare alla mamma a superare la propria crisi e iniziare a costruire giorno per giorno il rapporto con il proprio bambino.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti