Salute

Mio figlio è celiaco

Foto del Profilo
di Valentina Molinero il
Commenti (0)

Cos’è la celiachia? Una semplicissima intolleranza alimentare al glutine, una proteina presente nel chicco di alcuni cereali come il grano, la segale, l’orzo, il farro, il kamut ecc. Il glutine causa nell’organismo di coloro che ne sono allergici un appiattimento dei villi intestinali, ciò compromette il corretto assorbimento delle sostanze nutritive generando una serie di problematiche, malesseri, gonfiore e vomito. La diagnosi precoce è fondamentale per scongiurare complicazioni e patologie future, la celiachia si può scoprire attraverso banali esami del sangue ma anche attraverso la saliva, grazie agli anticorpi anti Transglutaminasi . Nei bambini potrebbero esserci  anche  alterazioni dell’umore, l’irritabilità, l’apatia, ripetuti mal di pancia, stati anemici, bassa statura, l’essere come distaccati dall’ambiente circostante, sintomi che i genitori potrebbero trascurare e far crescere un adulto malato.

celiachia-bimbi

Esistono diverse tipologie di celiachia che interessano sia i bambini che gli adulti:

-Celiachia Tipica che si manifesta con diarrea e forti dolori addominali. Ciò comporta un calo di peso ed una debilitazione generale del soggetto.

-Celiachia Atipica, in cui i sintomi non sono rilegati solo all’apparato gastrointestinale.

-Celiachia Silente non si manifesta con sintomi particolari e l’unico modo per scovarla è tramite l’esame della parete intestinale, riscontrando l’atrofia dei villi.

-Celiachia Latente che caratterizza persone che presentano ancora una parte intestinale normale ed è da tenere sotto controllo.

-Celiachia Potenziale, questa forma non presenta alterazioni della mucosa intestinale ma questi soggetti hanno una predisposizione genetica alla malattia.

Se si dovesse scoprire che il proprio bimbo è affetto da una di queste patologie è prima di tutto necessario cambiare le abitudini alimentari del piccolo e della famiglia, ad esempio destinando delle stoviglie solo alla cottura degli alimenti privi di glutine. In secondo luogo sarà necessario informare le persone che si relazionano con il bimbo, soprattutto nonni, zii, la scuola e gli amici di famiglia. Inoltre è molto utile è informarsi sulle normative, visto che il celiaco, a seconda della regione dove vive e del tetto massimo previsto da essa, ha diritto al ritiro gratuito di prodotti dietetici senza glutine in farmacie pubbliche e private, nei supermercati e nei negozi specializzati.

Per finire è bene inventarsi con questi prodotti specifici delle ricette in più possibile fantasiose e gustose, che siano gradevoli al palato dei più piccoli. Un bambino celiaco, oltre ai prodotti per celiaci,  può mangiare anche riso e tutti i prodotti a base di riso, frutta, carne, pesce, formaggi, verdure, latte e latticini. La celiachia non è una vera e propria malattia, si può vivere tranquillamente con questa patologia senza avere nessuna limitazione, l’importante è che voi in quanto genitori riusciate ad insegnare al vostro bambino il giusto regime alimentare e soprattutto seguiate delle semplici regole:

-non preparate contemporaneamente un piatto normale e un altro senza glutine

-non tagliate il pane senza glutine sullo stesso tagliere dove precedentemente avete tagliato il pane di grano

-utilizzate mestoli differenti per girare la pasta senza glutine

-lavarsi spesso le mani in maniera da non contaminare i cibi

Scoprire che il proprio bimbi ha problemi di salute è sempre uno choc ma questa è davvero una patologie facile da affrontare e vi potranno aiutare i siti dell’Associazione italiana celiachia e quello dell’Associazione bambini celiaci dove si trovano tutte le informazioni utili per i “neo-diagnosticati”.

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti