Senza categoria

Mamma, lavora di meno e allattami di più!

Foto del Profilo
di Francesca Rolle il
Commenti (0)

Certo, piacerebbe a tutti i bambini avere una mamma in pausa dal lavoro per un lungo periodo dopo il parto ma, nella pratica, poi, sono poche le mamme che possono permettersi di esaudire questo desiderio. Molte mamme sono costrette, per ragioni economiche o aziendali, a rientrare molto presto al lavoro, dopo la nascita dei figli e questo influisce molto negativamente sulla durata dell‘allattamento al seno che, come si sa, è consigliato almeno fino al sesto mese.

I risultati di una importante ricerca

Di recente è stata pubblicata una ricerca, portata avanti da “The Reuter Helt“, che mirava ad indagare quale rapporto ci fosse tra il numero di ore di lavoro della donna dopo il parto e la durata dell’allattamento al seno. Sono state analizzate le situazioni di 2.300 neo mamme a partire dall’anno precedente il parto fino al compimento dell’anno dei loro bambini.

E’ così emerso chiaramente che la durata dell’allattamento al seno non dipende tanto dal fatto che la mamma rientri al lavoro o meno ma dalle ore settimanali che la donna dedica al lavoro. Infatti, Ning Xiang, il ricercatore che ha portato avanti lo studio, ha notato come le mamme che, dopo il parto, lavorano fino a 19 ore a settimana, riescano a prolungare l’allattamento almeno fino al sesto mese, avvicinandosi molto ai risultati ottenuti dalle mamme che non rientrano affatto al lavoro. Fino al 60% delle mamme che lavorano meno di 19 ore a settimana allatta oltre i sei mesi ma lo stesso non si può dire delle mamme che, invece, lavorano di più fuori casa. Quelle il cui impegno lavorativo è compreso tra le 20 e le 34 ore a settimana riescono ad allattare oltre il sesto mese solo nel 47% dei casi, mentre chi lavora oltre le 35 ore settimanali riesce a prolungare l’allattamento al seno solamente nel 39% dei casi.

Forse, in base a questa e ad altre ricerche, si dovrebbe valutare il numero di ore di allattamento concesso alle lavoratrici italiane e, magari, allargare il diritto anche a tutte quelle mamme che non hanno un lavoro dipendente.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti