Psicologia infantile

L’importanza per i bambini di essere abitudinari

Foto del Profilo
di Chantal De Honestis il
Commenti (0)

Un bel giorno, il vostro cucciolo si sveglierà e si sarà trasformato in un baby e adorabile “Furio” (famoso personaggio verdoniano) che andrà in ansia semmai doveste cambiargli le sue abitudini. Certo, non chiamerà la Società Autostrade Italiane per avere informazioni sul traffico prima di intraprendere un viaggio, ma non stupitevi se si arrabbierà nel caso vogliate fargli la doccia al posto del solito bagnetto. Arriva un momento in cui i bimbi attraversano una fase in cui hanno la necessità di essere abitudinari e metodici.

I bambini amano essere routinari nel fare le cose, principalmente per le attività quotidiane, e il cambiare certi schemi può essere fonte di disagio e di ansia.

Ma perchè succede questo?

In un bambino l’abitudinarietà trasmette un senso di tranquillità, stabilità e sicurezza. Ecco perchè hanno la necessità di mantenere costanti soprattutto le abitudini principali, quelle per esempio legate al mangiare, al dormire e alle attività che compiono regolarmente. Il bambino sa cosa lo aspetta, riconosce le attività e i gesti come familiari, trasmettendogli così un senso di tranquillità e sicurezza. La ripetitività e la metodicità lo aiutano a vivere in modo ordinato e a regolare la loro giornata. Per il nostro piccolino ogni giorno è fonte di nuovi stimoli e cose nuove che lo circondano e lo “investono”; questo gli crea la necessità di avere delle certezze, una certa continuità e stabilità che manifesta con gesti abitudinari e metodici. Questo lo aiuta anche ad affrontare in modo più sereno e disponibile le cose nuove che il mondo gli offre, lo aiuta a lasciare andare la sua innata e sconfinata curiosità. E’ come se il nostro bambino dicesse: “Prego mondo, sono pronto ad accoglierti e conoscerti tanto io ho sempre e comunque i miei punti fermi!!!

E’ molto importante che questa sua necessità venga non solo rispettata ma anche assecondata, soprattutto se per ragioni di necessità il bambino frequenta posti diversi dalla propria casa come l’asilo o la casa dei nonni. Per loro è una vera e propria necessità quella di mantenere ordine nelle loro abitudini. 

Una cosa è rispettarlo e assecondarlo mantenendo dei punti fermi, un’altra è stimolarlo e proporgli nuove esperienze e cambiamenti. Nessuno vi impedisce di provare a fargli cambiare qualche piccola ma fastidiosa abitudine, l’importante è provare a farlo con lui complice, giocando e ridendo; trasmettendogli comunque sicurezza e adottando un atteggiamento gioioso e dolce. Vedete le sue reazioni e dopodiché da brave mamme/papà quali siete saprete se è il caso di lasciar perdere o meno. L’importante è comunque non forzare la mano laddove il vostro bambino non si mostri propenso ad alcun cambiamento. Vuol dire che non è ancora pronto.

 

Loading...
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti