Fecondazione Assistita

L’impatto psicologico della fecondazione assistita

Foto del Profilo
di Michela Gregoris il
Commenti (0)

Scoprire di non avere la possibilità di procreare in modo naturale è fonte di stress e frustrazione per la coppia, ma anche il percorso verso la fecondazione assistita risulta impegnativo e provante; proprio per questo il supporto psicologico può diventare parte integrante di quel percorso.

fecondazione-assistita1

Ci sono molti esami da fare, visite a cui sottoporsi, e poi i rapporti sessuali programmati, l’ansia dell’attesa del risultato… è normale che, per chi ricorre alla procreazione medicale assistita si senta un tantino sotto stress. Se a ciò si aggiunge la frustrazione, del tutto normale, di non poter avere figli senza l’ausilio medico e le pressioni accumulate durante il periodo in cui si è tanto cercato di averne uno, avere a disposizione l’opportunità di confrontarsi con un terapeuta può essere addirittura indispensabile.

Sia come singoli individui che come coppia, chi si sottopone a fecondazione assistita vive un periodo ricco di tensioni e aspettative, purtroppo anche di fallimenti, che possono minare la pace mentale del singolo ma anche il rapporto di coppia. Per questo è importante sapere di potersi rivolgere a un professionista che possa aiutare entrambi i partner a vivere meglio questo momento delicato, a poter esprimere le proprie angosce e trovare conforto in caso di aspettative disattese. Il terapeuta accompagnerà quindi i pazienti lungo il trattamento di fecondazione assistita, cercando di sostenere la coppia nei momenti di stress dovuti sia al trattamento ma anche a fattori sociali, oltre che favorendo l’elaborazione di strategie per superare più serenamente le difficoltà che si possono presentare.

Soprattutto, poi, in caso di rinuncia definitiva dopo uno o più fallimenti del trattamento, potrebbe diventare necessario non solo far accettare, ai singoli e alla coppia, la mancanza, ma anche ridefinire il rapporto stesso, che negli ultimi tempi sicuramente ruotava soprattutto attorno all’obiettivo di avere un figlio, trovare nuove aspettative e nuovi obiettivi di coppia insieme all’accettazione del fallimento.
Utile può essere anche un percorso terapeutico con altre coppie che stanno vivendo la stessa esperienza, dove trovare un terreno di confronto per i propri problemi e come aiutare se stessi e l’altro a superarli.

 

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti