Salute

L’Igiene dei maschietti

Foto del Profilo
di Laura Pandolfi il
Commenti (0)

Prima di tutto bisogna ricordare di non fare il bagno completo al bambino nei primi dieci giorni di vita, ma limitarsi a lavarlo accuratamente con una spugna. Questo perché, dopo la nascita, la parte del cordone ombelicale rimasta attaccata al bimbo si secca e si stacca spontaneamente entro una decina di giorni. Una volta staccatosi si potrà fare il bagnetto al bimbo, aggiungendo le prime volte un po’ di sale marino all’acqua che contribuirà alla cicatrizzazione, evitando di utilizzare shampoo e sapone.

Fondamentale, poi, è rispettare la sua fisiologia cutanea. Vanno utilizzati prodotti arricchiti con ingredienti lenitivi che contrastino l’irritazione e riducano gli arrossamenti provvedendo ad una delicata detersione delle parti a contatto con il pannolino.

Nello specifico, per quanto riguarda i maschietti, c’è da ricordare che il prepuzio del neonato non è retrattile. Anche se il distacco tra prepuzio e glande inizia intorno alle 24 settimane di gravidanza, esso è generalmente incompleto alla nascita. Negli anni successivi alla nascita l’adesione del prepuzio al glande si riduce progressivamente fino a rendere possibile la completa retrazione. Quando si osserverà un parziale distacco del prepuzio dal glande, sarà importante lavare con molta delicatezza la parte scollata, aiutandosi eventualmente con acqua in leggera pressione, in modo da togliere le sostanze accumulate.

E’ importante, quindi, non fare manovre per forzare il distacco del prepuzio dal glande. Questo anche perché il prepuzio rappresenta un’importante protezione per la mucosa del glande, che, se scoperto, può essere sottoposto all’azione irritante di urina e feci. Inoltre il glande non più protetto potrebbe essere soggetto a traumi da sfregamento con il pannolino, causando dolori al bambino.

 A servire ai neonati e ai bambino piccoli è quindi il semplice, quotidiano, lavaggio esterno.

Loading...
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti