Dal sesto al nono mese

Le visite negli ultimi tre mesi di gravidanza

Foto del Profilo
di Marianna Pilato il
Commenti (0)

Giunta al sesto mese di gravidanza, la donna dovrà affrontare numerosi cambiamenti sul suo corpo. Oltre al pancione che diventa sempre più evidente, anche le ghiandole mammarie assumono un aspetto differente per prepararsi all’allattamento.

A causa di tutte queste trasformazioni, perciò, sono necessarie alcune visite di controllo. Alcune di queste sono costituite dai classici esami di routine, come quelli del sangue, delle urine e la visita ginecologica. Se invece in passato qualcuno della famiglia ha sofferto di problemi cardiaci, allora al sesto mese è meglio effettuare sul feto una ecocardiografia. Quest’ultima, infatti, serve a monitorare anatomicamente il cuore per verificare che tutte le sue parti si siano formate del tutto, evitando così il rischio delle cardiopatie congenite.

A tutte le partorienti, invece, nel terzo trimestre viene consigliato di sottoporsi a un tampone vagino-rettale per l’individuazione dello streptococco gruppo B: si tratta di un microbo che, se persiste nella vagina o nel retto, potrebbe infettare il bambino durante il parto causando, seppur raramente, problemi anche seri. Qualora si rilevasse la presenza dello streptococco (che di solito non viene percepito con nessun sintomo particolare dalla futura mamma), si procederà sottoponendo la donna a una profilassi antibiotica durante il travaglio, estendondola se strettamente necessario anche al neonato.

Non sono infine obbligatorie, ma consigliate dal ginecologo solo in certi casi, un’altra ecografia morfologica e un ecodoppler per controllare che il flusso sanguigno tra il cordone ombelicale e la placenta sia nella norma e che il bambino stia crescendo con regolarità. Qualora il nascituro avesse assunto una posizione podalica o trasversale, è probabile che il medico consigli alla paziente una manovra di rivolgimento dell’utero per evitare di dover praticare il parto cesareo al posto di quello naturale. Per far cambiare posizione al bambino, però, a volte è sufficiente svolgere regolarmente degli esercizi di ginnastica pre-parto, che aiutano fra l’altro moltissimo le partorienti ad affrontare nel modo corretto il travaglio.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti