Dal quarto al sesto mese

Le contrazioni di Braxton-Hicks

Foto del Profilo
di Michela Gregoris il
Commenti (0)

Una delle maggiori preoccupazioni, soprattutto per chi è alla prima gravidanza, è quella di riconoscere le contrazioni “vere” e distinguerle dalle famose (o famigerate) contrazioni di Braxton-Hicks. Quali sono le differenze?

A partire dal quinto mese di gravidanza può capitare che la futura mamma inizi a essere soggetta a contrazioni. Soprattutto se siete alla vostra prima esperienza come gestanti, è importante non preoccuparsi e cercare di riconoscere quando si tratta soltanto di “falsi allarmi”.
In genere, infatti, le contrazioni di Braxton-Hicks sono abbastanza diverse da quelle vere. Ecco quali sono le caratteristiche di entrambe:

Contrazioni di Braxton-Hicks

  • Non sono dolorose
  • Non aumentano di frequenza o intensità
  • Quando ci si sdraia di placano
  • Provocano indurimento solo dell’utero

 Contrazioni “vere”

  • Partono dalla parte bassa dell’utero per poi diffondersi lungo i fianchi
  • Sono dolorose e ritmiche
  • Aumentano di intensità, anche se ci si stende

Ciò non toglie che le contrazioni di Braxton-Hicks possano dimostrarsi abbastanza fastidiose, soprattutto se si manifestano abbastanza di frequente. Il modo migliore per alleviarle quando compaiono è quello di cercare di rilassarsi, magari con una doccia tiepida che aiuta a rilassare i muscoli. Stendersi su un fianco o cambiare posizione quando si presentano e magari un massaggio lombare fatto dal compagno possono essere ulteriori aiuti.

Anche se queste contrazioni sono del tutto normali e innocue per il bambino, è però necessario prestare attenzione in alcuni casi specifici: se le contrazioni tendono a diventare regolari e aumentare di intensità, o se sono presenti perdite di sangue vaginali, o se ci sono stati precedenti di parti prematuri allora sarà meglio recarsi al pronto soccorso o in maternità per escludere il rischio di un parto prematuro.

Altrimenti, in generale si tratta di sintomi normali, tra l’altro nemmeno totalmente inutili: pare infatti che le contrazioni di Braxton-Hicks servano a preparare l’utero in previsione delle contrazioni vere, oltre a favorire l’irrorazione dei vasi sanguigni della zona pelvica. Insomma, un vero e proprio “allenamento” in vista del parto!

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti