Bimbo

Le coliche

Foto del Profilo
di Giusy Ragni il
Commenti (0)

Le coliche nel neonato purtroppo sono frequenti; hanno inizio intorno alle due settimane di vita, e sono caratterizzate da uno stato di agitazione e da un pianto inconsolabile, prolungato, insistente. Solitamente il disagio del neonato, causato dalle coliche si manifesta maggiormente la sera, il pianto del bimbo è lamentoso, sofferente, ed è quello più difficile e problematico da calmare.

Le coliche si possono manifestare anche durante la giornata, ma le reazioni sono differenti: il bimbo è irritabile, agitato, questo lo porta ad avere dei rigurgiti, ma calmarlo risulta più facile nelle ore diurne. Le cause sono da attribuirsi a gas intestinali o alla ancora troppo scarsa secrezione di melatonina, che aumenta solo intorno ai tre mesi, e all’evoluzione ormonale che coinciderebbero  proprio con la scomparsa delle coliche. Ma non c’è nulla di comprovato, alcuni medici sostengono che il fenomeno varia da neonato a neonato e dipende dal temperamento del bimbo.

Ovviamente un consulto con il pediatra è indispensabile, perchè solo il medico può determinare con certezza che il malessere di vostro figlio sia dovuto alle coliche e non ad altro, come un otite o un’infezione, un reflusso gastroesofageo. Determinata con certezza la presenza di coliche allora si possono mettere in atto i vari metodi per dare conforto al neonato e calmarlo.

La prima cosa da farsi e che di certo porta calma al bimbo è dargli un senso di sicurezza avvolgendolo in una copertina morbida, e prendendolo in braccio, i vostri movimenti devono essere lenti e pacati, ricordate che movimenti bruschi aggravano il suo stato di agitazione. Portate il bimbo al petto e stringetelo a voi dolcemente, sussurrando qualche frase consolatoria o una ninna nanna cantilenante, con voce non troppo alta, i suoni reiterati hanno un potere calmante,  poi è risaputo che la voce materna per il neonato è la musica più dolce al mondo.

Oltre a questi metodi di consolazione affettuosa, potete anche affiancare il benessere dato da una borsa dell’acqua calda sul pancino o da un massaggio delicato fatto dalla vostra mano; una volta che il bimbo si è calmato non rimettetelo immediatamente nella culla, ma tenetelo contro il vostro corpo ancora un pò, utilizzando il marsupio, questo vi permetterà di continuare tranquillamente a svolgere qualche faccenda domestica e vostro figlio si sentirà al sicuro avvolto dal vostro calore e dalla vostra presenza.

Bisogna valutare inoltre, in caso di crisi che si verificano in modo ripetuto dopo i pasti la possibilità che il neonato soffra di un’ intolleranza alle proteine del latte; questa eventualità va accertata dal pediatra che prescriverà al piccolo paziente del latte adeguato e privo di tale sostanza, e ovviamente solo se  il bimbo è allattato artificialmente. 

 

 

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti