Parto

L’agopuntura in gravidanza

Foto del Profilo
di Giusy Ragni il
Commenti (0)

L’agopuntura è una tecnica antica che possiamo definire oggi “medica”. Legata alle tradizioni e alle conoscenze della medicina cinese,  questa pratica ormai diffusissima e affinata nel corso degli anni ha la capacità di ristabilire lo stato di salute e di benessere dell’intero organismo squilibrato o sofferente per cause di vario tipo, sia legate agli organi interni,  che al corpo esternamente. La qualità più importante di questa terapia  è quella di essere completamente priva di controindicazioni o effetti collaterali, per questo motivo può essere di grande aiuto nei nove mesi della gravidanza  se questa è accompagnata da disturbi e malesseri che alterano  lo stato di salute dell’organismo.

agopuntura

L’agopuntura offre rimedi senza assumere nessun farmaco e questo è ottimo per la creatura che cresce nel grembo materno. La terapia è basata sul uso di aghi monouso, le sedute non sono in alcun modo dolorose. Gli aghi utilizzati sono sottili e molto lunghi; le sensazioni che trasmettono sono di differente tipologia: può essere una  specie di scossa, o del calore, o senso di peso, ma non si avverte mai dolore. La cosa fondamentale è seguire questo antico metodo di cura in un centro specializzato dove operano veri professionisti qualificati.

In alcuni ospedali è possibile avere questo tipo di servizio, basta chiedere informazioni, altre strutture ospedaliere invece collaborano con ambulatori privati convenzionati. Un’altra alternativa per trovare un bravo operatore dell’agopuntura è consultare l’elenco dei medici diplomati, consultabile sul sito della Fisa,  la Federazione Italiana delle Società di Agopuntura. Quante sedute si devono fare lo stabilirà il medico,  il numero varia secondo l’intensità e la gravità del disturbo, ma saranno più o meno di trenta minuti ciascuna.

Ecco alcuni dei disturbi in gravidanza curabili con l’agopuntura:

Nausea e vomito: L’utilizzo dell’agopuntura per nausea e vomito insistenti, in gravidanza è molto efficace. Il punto sollecitato dagli aghi è nella parte interna al centro del braccio, e altri tre su tronco e gambe, davvero efficace contro la comune nausea mattutina o i ripetuti episodi di vomito, nella giornata.

Cefalea: il mal di testa in gravidanza solitamente si risolve da solo ed è un disturbo poco frequente nelle gestanti, ma nel caso si presentasse, anche in forma ricorrente e forte, l’agopuntura è un rimedio veloce e stabile.

Lombosciatalgia: frequente e fastidioso questo disturbo affligge tutte le donne incinta, il mal di schiena è dovuto all’aumento di peso, e allo sbilanciamento del corpo dovuto al “pancione”, l’agopuntura è di grande sollievo in questo caso, viene praticata sul dorso e lungo le gambe.

Gonfiore degli arti: anche in questo caso l’agopuntura fa veri miracoli per la gestante che ha gambe e piedi gonfi per il ristagno della circolazione.

Ma l’aiuto più importante che l’agopuntura può dare a una donna in attesa è la famosa “capriola” del neonato, quando si trova in posizione podalica, Si sollecita applicando la terapia in un punto preciso, ovvero all’angolo esterno dell’unghia del mignolo in entrambi i piedi, con aghi che in questo caso, vengono anche riscaldati. Il bimbo comincia a muoversi e nell’arco di qualche ora, quasi sempre di notte, si gira, mettendosi in posizione corretta.

E’ poi efficace anche per dare inizio al travaglio quando la gravidanza è oltre il termine, rendere più potenti le contrazioni uterine, diminuendo i tempi del parto e persino controllare il dolore. Purtroppo negli ospedali non è possibile fruire ampiamente di questa terapia eccezionale.

 In conclusione possiamo affermare che l’agopuntura in gravidanza è consigliatissima, benefica e di grande aiuto, quindi perché non provarla?

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti