Dal quarto al sesto mese

La scelta del nome

Foto del Profilo
di Valentina Molinero il
Commenti (0)

Avete scoperto di aspettare un figlio e ora comincia la difficile fase della scelta del nome. Questa scelta è notevolmente difficile poiché è il primo compito da genitore che siete chiamati a fare e condizionerà inevitabilmente la vita del vostro bimbo.

SAMSUNG DIGIMAX 360

La domanda difficile, che ogni genitore si fa, è: come fare a scegliere il nome giusto? La prima cosa importante da sapere è che per la scelta del nome in Italia esiste una normativa da rispettare: prima di tutto è obbligatorio attribuire un nome che corrisponda al sesso del bambino, non si possono dare i nomi dei genitori o nomi ridicoli.

Una volta chiariti questi aspetti è bene dire che si può scegliere qualunque tipo di nome, anche se esistono dei criteri che possono aiutarci a fare la scelta giusta visto che il nome sarà il tratto distintivo del vostro bimbo per sempre. Ecco alcuni consigli:

  • Ovviamente sarete sommersi dai consigli dei famigliari, è importante non farsi condizionare da nessuno. E’ bene indirizzarsi su nomi che in futuro non creino al proprio figlio imbarazzi
  • Evitare nomi che facciano rima 
  • Scegliere un nome che si abbini al cognome dal punto di vista fonetico ma anche di lunghezza
  • Considerare la possibilità di un nomignolo, così da evitare la sorpresa di diminutivi sgradevoli o vergognosi
  • Informarsi sul significato del nome scelto, in particolare in Italia i nomi derivano dalla lingua greca, latina, etrusca e quindi l’elemento del significato può essere la variabile nella scelta.
  • Possono essere di ispirazione anche i personaggi illustri, anche se andrebbero evitati nomi inconsueti come Lupo o Attila
  • Molti scelgono i nomi dei nonni per farli contenti ma in realtà è piuttosto sconsigliabile:  il nome del vostro bimbo dev’essere una cosa solo sua, che lo caratterizza e che crea la sua individualità. Dividerlo con nonni, cugini e parenti non è il modo migliore per cominciare una nuova vita
  • Scegliere un nome che permetta al bambino di festeggiare l’onomastico oppure eventualmente scegliere un secondo nome legato ad un santo.
  • Ricordare sempre che questo nome dovrete pronunciarlo e sentirlo milioni di volte, quindi dovrà essere facile e sonoro.

Questi ovviamente sono solo piccoli consigli, la scelta del nome è una questione molto più importante e mi rendo conto che non si può fare con leggerezza, ma nonostante l’impresa sia sempre stata difficile oggi possiamo ricorrere a tanti aiuti da libri, internet e motori di ricerca. Molti neo genitori ad esempio si affidano a siti web specifici come ad esempio BabyNames, dove se si ha già qualche idea si può digitarla e il sito restituirà una scheda completa con significati, popolarità del nome, dove è usato maggiormente e se addirittura si trova in letteratura. Un’altra fonte significativa può essere Abc mamma o Nomidibimbi.it, dove ci sono i nomi con onomastico, significato, colore, numero, pietra e metallo corrispondenti. Per finire si può usufruire dell’aiuto di portali che inserendo  sesso, nazionalità e lettera iniziale dell’eventuale nome, vi restituisce i possibili nomi.

Se non siete tecnologici potete sempre farvi aiutare dai libri dei nomi, una volta scelti i nomi che vi piacciono di più, potete scriverli su un foglio creando una colonna dei nomi che piacciono ad entrambi i genitori e una di quelli che piacciono solo ad uno. Nel caso in cui ci sia anche un altro figlio, io vi consiglio di farlo partecipare alla scelta. Tenendo sempre il foglio sott’occhio, si può familiarizzare con i nomi e procedere ad una cernita, riducendo la scelta magari a duo o tre.

Se alla fine, nonostante tutti i consigli  e gli aiuti, non riuscite proprio a scegliere il nome, io vi consiglio di aspettare la nascita del bambino e farvi ispirare da lui!

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti