Alimentazione

La dieta per chi allatta

Foto del Profilo
di Marianna Pilato il
Commenti (0)

Dopo una gravidanza, si sa, riacquistare il proprio peso forma nell’arco di un breve periodo è molto difficile, ma avendo pazienza e seguendo una dieta ad hoc raggiungere questo obiettivo non è poi impossibile. Del resto, c’è da prendere in considerazione il fatto che non tutte le donne aumentano di peso allo stesso modo durante i 9 mesi di gestazione: normalmente si prendono tra gli 11 e i 13 chili in più, ma c’è anche chi ingrassa di 18 chili e che poi li riperde altrettanto facilmente perché ha avuto sempre la fortuna di avere un fisico asciutto. In generale, quindi, hanno più problemi le neo-mamme che hanno avuto tendenza ad ingrassare anche in altri momenti della loro vita.

mangiare-sano

Per rimettersi in forma perdendo circa due chili al mese e per allattare il vostro neonato senza problemi, provate in primo luogo a seguire un’alimentazione corretta e indicata appositamente per la post-gravidanza. Poiché vi servirà molta energia per accudire il vostro bebé e per allattarlo, bisognerebbe senza dubbio assimilare più vitamine e sali minerali possibili: è vivamente consigliato, perciò, il consumo di frutta e legumi. Evitare al contrario cibi grassi e i dolci, perché sono quelli che fanno aumentare di peso maggiormente. L’importante, comunque, è non saltare mai i pasti, perché non è la quantità del cibo ingerito a determinare l’aumento di peso, quanto il valore nutritivo dei singoli piatti.

Un accorgimento utile, poi, è quello che propone di fare una colazione sostanziosa, seguita da un pranzo e una cena meno pesanti, poiché al mattino di solito si fa una vita più attiva e si consumano più calorie. Appena alzate, perciò, concedetevi senza farvi scrupoli una fetta di pane con un po’ di marmellata, latticini, frutta fresca o una bevanda calda a vostro piacimento.

Per quanto riguarda il pranzo e la cena, invece, cucinate preferibilmente cibi cotti a vapore o grigliati, e se proprio non potete evitare sempre le fritture, rendetele più light condendole con un po’ d’olio o di burro. Non cancellare mai dalla dieta post-parto i farinacei (cereali integrali, lenticchie, ceci, soia) e le proteine: i primi, infatti, costituiscono la fonte principale per produrre energia nell’organismo, mentre le seconde (contenute nella carne, nei latticini nel pesce) servono a combattere la carenza di ferro che spesso si verifica in tale periodo delicato e a favorire un allattamento ottimale. A prescindere da qualsiasi cosa decidiate di mangiare, poi, bevete contemporaneamente sempre molta acqua (circa 2-3 litri al giorno), che aiuta a depurare il corpo dalle scorie e dai lipidi in eccesso. Vanno bene per favorire l’allattamento anche altri liquidi come i brodi vegetali o di carne sgrassata, il latte, o i succhi di frutta fresca.

Infine, per chi soffre di perdite di controllo alimentari o di baby blues (sindrome a mangiucchiare durante il giorno), è meglio programmare uno spuntino al mattino e/o al pomeriggio, consistente in uno yogurt, in un paio di biscotti, in un frutto o in una barretta di cioccolato.

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti