Alimentazione

La dieta dello yogurt: dimagrisci e sgonfi la pancia

Foto del Profilo
di Mara Martini il
Commenti (0)

Le donne lo sanno bene: si possono avere le gambe snelle e un fisico proporzionato, ma quei centimetri di troppo intorno al girovita sono capaci di rovinare la silhouette più asciutta e di vanificare i risultati di qualsiasi dieta dimagrante. Questo vale ancora di più per le neomamme, che fanno spesso fatica a smaltire l’adipe e il gonfiore accumulati sul ventre, anche a distanza di molti mesi dal parto.  A creare questo inestetismo, infatti, oltre alla tipica rilassatezza dei tessuti lasciata dalla gravidanza, concorre anche un cattivo funzionamento dell’intestino.

yogurt-

Se è soprattutto questo il nostro problema – una attività intestinale non troppo regolare – possiamo trovare un valido aiuto nei fermenti lattici vivi contenuti negli yogurt e nei prodotti probiotici. Si tratta, ad esempio, degli ormai ben noti Lactobacillus acidophilus e Bifidobacterium, i c.d. “batteri buoni” che donano equilibrio alla flora intestinale, riuscendo ad attraversare “indenni” la barriera costituita dai succhi gastrici e dalla bile presenti nello stomaco.

Se siamo a dieta o comunque desideriamo non eccedere con le calorie, dovremo scegliere il nostro yogurt con un po’ di attenzione, dedicando qualche momento alla lettura delle etichette nutrizionali dei vari tipi. In commercio esiste, infatti, una gamma vastissima di prodotti, il cui apporto calorico può oscillare da un minimo di 40 kcal per vasetto (125 gr) – nel caso dello yogurt bianco e magro – alle oltre 120 dello yogurt greco; gli yogurt alla frutta, invece, hanno valori energetici compresi solitamente fra 60 e 100 kcal, a seconda che siano dolcificati con additivi ipocalorici o con zucchero normale. Perché, poi, la sua azione digestiva sia davvero efficace, cerchiamo di optare per uno yogurt con un numero di lactobacilli non inferiore al miliardo e, possibilmente, appartenenti a più specie diverse; e, soprattutto, preferiamo i prodotti con una data di scadenza più lontana, segno che contengono lactobacilli e probiotici più “vitali”. Attenendoci a questi suggerimenti di massima, scegliamo pure il prodotto che appaga maggiormente il nostro gusto!

Oltre alla preziosa attività regolarizzatrice, gli yogurt magri sono anche degli ottimi spuntini e spezza-fame, capaci di gratificare il palato senza appesantire la bilancia (quelli alla frutta, in particolare – grazie al gusto dolce -, placheranno la nostra voglia di dessert); oppure possono fungere da surrogato “light” di burro e panna nella preparazione di sughi e condimenti. In più, rappresentano una buona fonte di calcio e proteine e possono essere consumati senza problemi anche da coloro che non tollerano il lattosio, dal momento che i loro fermenti contengono l’enzima lattasi.

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti