Rimanere Incinta

La dieta della fertilità: quali sono i cibi che favoriscono il concepimento?

Foto del Profilo
di Elisa Di Mattia il
Commenti (0)

Se state cercando di avere un bambino, ma la cicogna tarda ad arrivare, un tentativo per cercare di aumentare la vostra fertilità potrebbe essere quello di rivedere la vostra alimentazione.

Ovviamente, se ci sono ostacoli di natura fisiologica che impediscono l’instaurarsi di una gravidanza, l’alimentazione può fare ben poco e l’unica strada è quella di rivolgersi ad uno specialista. Se invece non ci sono problemi dal punto di vista riproduttivo, ma nonostante ciò il bambino non arriva, un primo passo potrebbe essere proprio quello di aumentare la fertilità provando a cambiare le abitudini a tavola.

È risaputo che uno stile di vita sano ed equilibrato , uno stato psicologico libero da stress e preoccupazioni e una buona alimentazione possono avere effetti benefici sulla fertilità aumentando dunque le probabilità di rimanere incinta.

Tuttavia, secondo alcuni  esperti, non basta solo mangiare bene per favorire il concepimento: affinché l’alimentazione possa dare i suoi frutti, è necessario seguire una vera e propria dieta, concentrando l’assunzione di alcuni cibi in precise fasi del ciclo mestruale.

È quanto sostiene, in particolare, l’inglese Zita West, esperta in gravidanza e fertilità che nel suo recente libro “Eat youself pregnant”, elenca una serie di alimenti che, se assunti nel momento giusto, potrebbero favorire l’instaurarsi di una gravidanza.

Secondo la West, ad esempio, nella fase dell‘ovulazione è consigliabile mangiare cibi contenenti vitamina B7, presente soprattutto negli agrumi, nei cereali, nelle noci, nelle banane e nel lievito di birra.

Durante le mestruazioni, invece, sarebbe meglio assumere molta vitamina C, vitamina B e ferro, sostanze che si possono trovare nella carne di pollo e d’agnello, nei latticini, nei frutti di bosco e nei kiwi.

Nella seconda fase del ciclo mestruale è indicata l’assunzione di capseicina, di cui è ricco il peperoncino piccante, di isoflavoni, sostanze vegetali presenti soprattutto nei legumi, e di L-arginina, contenuta ad esempio in arachidi e le nocciole.

Nella terza fase del ciclo  bisognerebbe assumere molto betacarotene, contenuto soprattutto nelle carote, negli spinaci, nei cavoli, nella zucca e nelle patate, mentre nella quarta fase è consigliabile mangiare cibi capace di regolare i livelli di zucchero nel sangue.

Oltre ad aiutare la fertilità, alcuni alimenti possono contribuire a migliorare l’umore e ridurre lo stress, creando dunque condizioni favorevoli per l’instaurarsi di una gravidanza. Come spiega la West nel suo libro, una sostanza benefica per l’organismo è sicuramente la dopamina, un neurotrasmettitore creato naturalmente dal cervello capace anche di regolare il desiderio sessuale: per migliorare la produzione di dopamina è indicato mangiare carne rossa magra e tacchino, merluzzo, luccio, crostacei, tonno, uova, latticini, avocado, banane e avena.

Altro neurotrasmettitore importante è la serotonina, l’ormone del ‘buonumore’: per aumentarne i livelli nell’organismo la West consiglia di mangiare tacchino, merluzzo, tonno, yogurt e asparagi.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti