News Rimanere Incinta

Inserire la fertilità in curriculum: ecco la provocatoria proposta di una ginecologa in Gran Bretagna

Foto del Profilo
di Michela Gregoris il
Commenti (0)

Secondo la ginecologa Geeta Nargund sarebbe questo uno dei modi per affrontare e risolvere il problema del calo del numero di nascite in Gran Bretagna.

L’invito della ginecologa inglese è di fare figli prima dei 30 anni. Inoltre suggerisce anche di educare meglio le donne sui rischi che si corrono a procrastinare di troppo la maternità. Secondo lei, le donne dovrebbero imparare a prendere in mano la propria fertilità, e inserirla persino in curriculum. Ma che cosa significa?

Il numero di donne che si sottopongono a trattamenti per la fertilità di età compresa fra i 30 e i 40 anni è in aumento. Per questo, sarebbe secondo la Nargund necessario informare le donne che cercare un figlio dopo i 30 anni potrebbe essere troppo tardi. Le donne, secondo la ginecologa, dovrebbero essere meglio informate sui rischi del rimandare la ricerca di un figlio, come anche l’influenza negativa che provocano fumo e alcol sulla capacità di avere figli. Quindi la fertilità, e la conoscenza a riguardo, andrebbe messa in curriculum.

Sempre più donne, dice la Nargund, si accorgono che è troppo tardi per fare figli e restano scioccate: la causa è la scarsa conoscenza dell’argomento. Ma sarà davvero sufficiente questa consapevolizzazione delle donne ad aumentare la natalità? O i fattori che portano a un ritardo nel fare figli sono molti di più e molto diversi?

In Inghilterra una coppia su sei ha difficoltà a concepire, e il tasso di natalità resta alto solo fra gli immigrati. Il problema riguarda comunque tutti i Paesi d’Europa: in Italia il tasso di natalità ha raggiunto l’1,39 figli per donna.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti