Rimanere Incinta

Insegui la cicogna? Ecco tutti i sintomi di un possibile concepimento!

Foto del Profilo
di Elena Cerboncini il
Commenti (0)

Quando si cerca un bimbo, soprattutto se le cose non filano lisce al primo tentativo, l’aspirante mamma vivrà l’avvicinarsi delle mestruazioni con ansia sempre crescente, talvolta addirittura con una punta di angoscia, per poi sprofondare nella depressione non appena inizia il ciclo.

Premesso che cercare di conservare un atteggiamento sereno e rilassato gioverà ed aiuterà, a lungo termine, nel raggiungimento dell’obiettivo, ecco quali sono i primissimi sintomi d’inizio gravidanza.
Sapere che la maggior parte dei sintomi coincidono con quelli premestruali, vi aiuterà a non piombare nell’angoscia appena sentirete le prime avvisaglie: non è detto che sia il ciclo, quindi mantenete una ragionevole speranza fino all’ultimo!
I primissimi sintomi di gravidanza variano da donna a donna, e, nella stessa donna, da gravidanza a gravidanza. Per molte il primo “campanello d’allarme” è il cambiamento del seno, che potrebbe diventare teso, con i capezzoli induriti, ed aumentare di volume. Non tutte le donne però costatano tale aumento, mentre praticamente tutte avvertono un indurimento del seno, con il capezzolo che diventa molto turgido e spesso cambia di colore, divenendo più scuro.
Un altro sintomo, comune a gravidanza e fase premestruale, è l’addome gonfio, la sensazione di tensione uterina, e lo stimolo a urinare più frequentemente.
Alcune donne avvertono una diversa sensibilità agli odori ed anche un sapore metallico in bocca. Attenzione, non stiamo parlando di nausea: quella, di solito, sopravviene in un secondo momento.
Ci sono poi dei sintomi legati alla sfera psicologica: tensione e forte nervosismo, irritabilità, crisi di pianto e un senso d’intensa tristezza abbinato ad una sensazione di spossatezza. Questi stati d’animo sono molto simili a quelli che vivono le donne che soffrono di sindrome premestruale, ma nel caso di un inizio di gravidanza saranno ancora più accentuati.
Anche piccole perdite di sangue simili ad una mestruazione, ma più lievi, potrebbero segnalare il concepimento.
Infine, il segnale più importante di tutti: il ritardo delle mestruazioni. E’ però consigliabile fare il test di gravidanza soltanto dopo almeno una settimana di ritardo e non prima, in modo da evitare eccessivi stress psicologici!

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti