Famiglia e Tempo libero

Insegnare ai bambini a scrivere in corsivo: è ancora il caso?

Foto del Profilo
di Marianna Pilato il
Commenti (0)

Dal 2016 nelle scuole della Finlandia gli alunni non dovranno più seguire lezioni di calligrafia, poiché in quest’epoca dove computer, tablet e smartphone regnano sovrani essa è considerata una materia inutile.

Ma non tutti gli insegnanti e i genitori sono d’accordo su questo punto, tanto che hanno già manifestato le proprie rimostranze attraverso vari media.

La capacità di scrivere in corsivo, insomma, secondo i finlandesi ora dovrà essere messa in secondo piano rispetto alla capacità di dattiloscrivere. “Scrivere rapidamente un testo è un’importante risorsa per la nazione” – ha sottolineato Minna Harmanen del Consiglio Nazionale per l’Educazione – “Sappiamo che stiamo mettendo in atto una trasformazione culturale profonda, ma crediamo che saper scrivere al computer sia in questo momento più rilevante, almeno nello svolgimento della vita di tutti i giorni”.

Da queste dichiarazioni, però, non si deve evincere che nei piani del governo nordeuropeo sia compresa l’abolizione totale della scrittura a mano: i bambini, pertanto, potranno ancora esercitarsi con l’uso di carta, penne e matite ma verrà insegnato loro a riportare le lettere solo in stampatello e non in corsivo.

Ad ogni modo, gli esperti in scrittura, fra cui la sceneggiatrice e autrice italiana Barbara Alberti, ritengono questa misura troppo drastica, che rischierebbe di portare la società ancora di più verso l’imbarbarimento. Essi, per di più, hanno notato che i piccoli di oggi iniziano a maneggiare i tablet già a 3 anni ma non sanno maneggiare più una semplice penna. Lo stimolo della creatività, inoltre, può avvenire secondo il loro parere molto più facilmente davanti a un foglio bianco che davanti allo schermo di un pc.

Un gruppo di educatori, al contrario, si dichiara favorevole alle innovazioni scolastiche della Finlandia, ritenendo l’insegnamento della bella scrittura ormai antiquato rispetto ai tempi attuali, e criticando la scuola italiana per essere rimasta impermeabile ai cambiamenti della società.

 

 

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti