Dal quarto al sesto mese

In ufficio col pancione: quali misure adottare?

Foto del Profilo
di Stella Ochaa il
Commenti (0)

Continuare a lavorare in ufficio durante il periodo d’attesa può risultare più faticoso di quello che si pensa comunemente ma, adottando qualche piccolo accorgimento, può essere reso meno fastidioso.

Con la gravidanza, ed i cambiamenti fisici ad essa connessi, aumentano certamente i disturbi a livello fisico, soprattutto a scapito di schiena e gambe. Anche a livello mentale, durante il periodo d’attesa, stress ed affaticamento hanno un forte impatto sullo stato di salute di mamma e bebè. Per rendere compatibili la gravidanza ed il lavoro d’ufficio basterà adottare alcuni semplici accorgimenti.

ABBIGLIAMENTO COMODO

Prima di recarvi al lavoro indossate capi morbidi e confortevoli. Durante la gravidanza la circolazione del sangue tende ad essere più faticosa, quindi evitate abiti eccessivamente attillati o con elastici troppo stretti perché la rallenterebbero ulteriormente. Preferite abiti comodi, in tessuti leggeri e naturali.

Gli sbalzi ormonali indotti dalla gravidanza potrebbero far variare repentinamente la percezione della temperatura, vampate e sudorazione sono molto frequenti. Prediligete, dunque, un abbigliamento a cipolla (o a strati), per poter facilmente aggiungere o rimuovere gli indumenti in base alle esigenze. Anche la scelta delle scarpe è di fondamentale importanza:  per una questione di sicurezza sarebbe meglio prediligere scarpe dalla suola in gomma, per eliminare il rischio di scivoloni. Nella quotidianità, per recarvi al lavoro, evitate di indossare i tacchi alti in quanto modificano la postura e rischiano di sbilanciare il corpo, soprattutto se il pancione è già voluminoso.

Potrebbe tornarvi utile avere sulla scrivania o a portata di mano qualche salviettina umidificata; questi prodotti donano un’immediata sensazione di freschezza e sono molto utili nella stagione calda, in quanto danno immediato sollievo a mani, braccia e nuca.

POSTURA CORRETTA

Alla scrivania è opportuno sedersi correttamente, tenendo la schiena sempre dritta ed utilizzando sedute ergonomiche e regolabili in altezza. E’ necessario regolare la seduta in modo da avere le ginocchia leggermente abbassate rispetto al bacino: così da mantenere una posizione della schiena naturale e corretta in gravidanza. Oltre a questo, può essere utile regolare lo schienale della sedia per ufficio, tenendolo verticale. Se ciò non fosse sufficiente, si po’ inserire un cuscino dietro la schiena, all’altezza dei reni.

Un altro accorgimento da adottare quando si decide di lavorare in ufficio col pancione è quello di non accavallare le gambe; in questo modo non si compromette la circolazione evitando spiacevoli gonfiori alle gambe.

BREVI E FREQUENTI PAUSE

Quando si va a lavorare in ufficio in gravidanza è necessario fare piccole pause frequenti, almeno ogni ora, per sgranchirsi le gambe, e riattivare la circolazione del sangue.

Di tanto in tanto, bisogna interrompere il lavoro e alzarsi, camminando un po’. Allontanarsi dalla scrivania è utile anche per far riposare gli occhi distogliendoli dal computer ed evitare affaticamento visivo e mal di testa.

ALIMENTAZIONE

Avere una piccola scorta di snacks secchi nel cassetto della scrivania può rivelarsi molto utile, sia in caso di nausee gravidiche che in caso di bruciore di stomaco. Crackers, grissini, fette biscottate o biscotti secchi sono degli ottimi spuntini leggeri che, oltre a placare gli attacchi di fame, aiutano a tamponare il senso di nausea e acidità.

Per quanto riguarda il momento del pranzo, invece, è necessario curare per bene l’alimentazione.

In ufficio in gravidanza, infatti, è opportuno fare pranzi leggeri, evitando cibi troppo conditi. In questo senso incrementare il consumo di cereali, frutta e verdura è sicuramente la soluzione ideale. Se invece si è soggetti a cali di zucchero o di pressione improvvisi, tenere sempre a portata di mano qualche caramella (molto indicate quelle alla liquirizia in caso di bassa pressione) per riprendere le energie al momento giusto.

LIMITARE STRESS ED ECCESSIVO AFFATICAMENTO

Mantenere gli stessi ritmi lavorativi e pretendere le stesse prestazioni che si avevano prima della gravidanza non è sempre possibile. Soprattutto se il lavoro è particolarmente stressante e faticoso bisogna fare attenzione al sovraccarico a livello fisico e mentale, poiché ne va della salute di mamma e bambino!

Se con il procedere della gravidanza dovesse subentrare eccessiva stanchezza non bisogna ignorarla ma, anzi, ascoltare i messaggi che il corpo sta inviando.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti