Preadolescenza

Il ciclo mestruale

Foto del Profilo
di Carla Pistone il
Commenti (0)

Come spiegarlo a nostra figlia, in bilico tra l’infanzia e l’età adulta

preadoloscenti-ciclo

Tra gli 11 e i 14 anni le bambine attraversano una breve fase che precede la pubertà. Sebbene in questa fase i cambiamenti fisici siano appena accennati, è bene prepararle sia fisicamente che psicologicamente ad affrontare il momento che segna il passaggio dall’infanzia all’età adulta: l’inizio del ciclo mestruale.

Nel mondo occidentale il ciclo mestruale e il suo significato sono argomenti riservati alla madre, perché la società alla quale è affidato il compito educativo generale ignora il ciclo mestruale al di là del mero aspetto fisiologico e quindi non offre alcun supporto alle ragazze per affrontare questa esperienza. Molte donne sono incapaci di parlare serenamente alle proprie figlie del ciclo mestruale, quindi delegano questo compito alle lezioni scolastiche di biologia, dove non vengono affatto prese in considerazione le sensazioni fisiche e le emozioni ad esso associate.

Inoltre in alcune bambine la pubertà compare precocemente, tra i 9 e i 10 anni di età, cogliendo di sorpresa genitori e figlie, cosicché il sopraggiungere delle prime mestruazioni può essere vissuto dalla bambina come una malattia o con un senso di paura o di vergogna.

È quindi importante che le bambine siano preparate a questo avvenimento al manifestarsi dei primi cambiamenti somatici, ma non solo: anche i ragazzi dovrebbero essere informati circa il significato e le manifestazioni del ciclo mestruale, affinché imparino a rispettare la femminilità e le sue caratteristiche.

Come fare. Innanzitutto, spieghiamo  serenamente alla ragazza:

– cos’è il ciclo mestruale: il corpo femminile è una specie di orologio biologico che segue un ritmo mensile chiamato ciclo  mestruale che culmina con la mestruazione

– cos’è una mestruazione: è un evento naturale che riguarda tutte le donne e che consiste nella fuoriuscita di sangue dalla vagina, che si presenta mediamente ogni 28 giorni e ne dura in media 5; serve ad espellere l’ovulo non fecondato, infatti si interrompe quando si aspetta un bambino e si estingue completamente intorno ai  55 anni con la menopausa

– diciamo anche che il dolore che a volte si può manifestare indica soltanto che l’utero si sta contraendo per facilitare l’espulsione dell’ovulo, ma di solito è tollerabile e può essere facilmente alleviato in vari modi

– affrontiamo gli aspetti psicologici della pubertà. Una bambina può dimostrarsi insofferente di fronte all’aspettativa del ciclo mestruale. Rassicuriamola: spieghiamole  che si abituerà presto a tutti i cambiamenti fisici che sta vivendo e che questi le serviranno a diventare grande… e a somigliare di più alla sua mamma.

 

Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti