Educare un figlio

Il buon esempio: educare figli maschi rispettosi delle donne

Foto del Profilo
di Michela Gregoris il
Commenti (0)

Purtroppo si sentono sempre più spesso storie di violenze domestiche, o di violenze sulle donne, anche giovanissime e da parte di fidanzati o ex altrettanto giovani. Possiamo, come genitori, cercare di fare di più per crescere figli maschi che diventino futuri uomini rispettosi delle donne?

come-gestire-i-capricci-dei-bambini_cb3dbc351c99ca3acd63f723025b51e4

Secondo il pedagogista Daniele Novara, la maggioranza dei casi di violenza sulle donne viene perpetrata da uomini cresciuti in ambienti dove la presenza delle donne (madri, sorelle, nonne) è addirittura soffocante. Infatti, spesso sfociano in comportamenti violenti proprio quegli uomini che hanno risentito della mancanza di un modello virile, di un padre che, con il suo comportamento e dando il buon esempio, abbia potuto insegnare al proprio figlio il rispetto verso l’altro sesso e, in questo modo, anche verso se stesso.

Mamme opprimenti, che permettono a figli ormai troppo grandi di dormire nel lettone, che non riescono a lasciare autonomia ai bambini, specie nei momenti di intimità (quelle che, per esempio, curano l’igiene dei figli anche fino ai 10 anni in un assurdo bisogno di controllo, sempre secondo Novara) avrebbero dunque contribuito a educare uomini frustrati, che si portano dietro un disagio che possono finire per sfogare questa frustrazione proprio su altre donne, come per riappropriarsi di un’autonomia che durante la crescita è stata loro negata. Una vera e propria castrazione.

Invece, è importante non solo garantire l’autonomia del figlio man mano che cresce, ma anche, laddove un padre è presente, permettergli di instaurare un rapporto profondo anche con l’altro genitore. Il papà non deve essere solo una “vice-mamma”, afferma Novara, ma deve essere un educatore a tutti gli effetti, che getta le basi dell’uomo che il figlio un giorno sarà. Anche qui, dare regole ma lasciar agire in autonomia, in modo che il bambino acquisisca sicurezza e indipendenza nelle varie fasi della vita, rendendosi consapevole e responsabile.

Anche gli esempi che derivano dalla quotidianità influiscono molto sul rapporto che avrà un figlio maschio con l’altro sesso: per esempio, spesso le mamme, soprattutto in Italia, tendono a vedere i lavori domestici come prettamente femminili, coinvolgendo in questo soltanto le figlie femmine, o assumendosi completamente questo tipo di mansioni. Bisognerebbe invece creare all’interno della famiglia un clima di collaborazione, dove ognuno possa svolgere i compiti non in base al sesso ma alle esigenze. In questo modo, un bambino cresce con l’idea che anche il papà aiuta in casa, e che quindi non ci sono attività “da femmine”, ma soltanto attività.

Anche lasciare che i figli litighino è una fase importante di crescita e educazione: intervenire serve a evitare degenerazioni, ma i conflitti aiutano i bambini a imparare a gestirli, invece che reprimerli. 

 

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti