Essere Mamma

I nonni e la loro importanza

Foto del Profilo
di Chantal De Honestis il
Commenti (0)

La figura dei nonni va via assumendo un ruolo sempre più importante e presente nella vita dei propri nipoti.

A dimostrarlo è stata anche l’istituzione di una legge del 2005 che il 2 ottobre ha proclamato “la festa nazionale dei nonni” per “celebrare l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale”; basti pensare che da una ricerca europea fatta sugli over 50 emerge che i nonni italiani sono i più presenti nella vita dei nipotini.

ll 50% dei nonni contribuisce alla cura di un nipote sotto i 13 anni almeno una volta a settimana, mentre 1 su 3 se ne occupa quotidianamente. Una media molto più alta rispetto a quella degli altri Paesi europei.

 

ll ruolo del nonno è “un ruolo senza ruolo”: non è legato a nessun vincolo prestabilito, come accade invece per le figure genitoriali, ma è piuttosto un ruolo familiare.

Il rapporto che si istaura tra nonno e nipote trasmette un forte senso di appartenenza.

Oggi, vuoi anche per il costo e la caoticità della vita, i nonni accudiscono i nipoti quando i genitori sono assenti e danno spesso un aiuto economico alla famiglia.

Quello che di norma caratterizza la “nonnitudine” è l’amore incondizionato verso i nipoti.

I nonni, infatti, sono in una posizione diversa dai genitori, in un certo senso privilegiata. Liberi dall’obbligo di educare, possono privilegiare il piacere di stare coi nipoti rispetto al dovere, l’aspetto ludico rispetto alle regole; sono figure insostituibili nell’infanzia di ogni bambino, che una volta cresciuto ne ricorderà per sempre le coccole, gli aneddoti, le storie, i giochi e i momenti spensierati.

Visti dagli occhi dei bambini le figure dei nonni sono fondamentali; spesso sono i sostituti di mamma e papà: danno sicurezza e affetto, proprio perché fanno parte della famiglia e ne conservano la memoria storica.

Inoltre, la loro presenza può essere per i propri nipoti un punto fermo e di conforto nei momenti di difficoltà che la famiglia può attraversare.

I nonni possono offrire un grande supporto emotivo in un momento in cui le certezze dei propri nipoti vacillano. In queste situazioni, rappresentano un importante fattore di protezione proprio per la continuità emotiva che assicurano.

Come si diceva prima, oggi è sempre più frequente che un bambino trascorra la maggior parte del proprio tempo con i nonni e non con i genitori. Questo però non vuol dire che il ruolo educativo debba essere  trasferito al nonno.

Infatti la definizione e il rispetto dei ruoli è fondamentale per poter portare avanti serenamente la crescita del bambino; i nonni devono senz’altro potersi sentire liberi di affiancare i nuovi genitori con il loro affetto e la loro esperienza, ma, devono ricordarsi che le regole, le decisioni insindacabili, le basi dell’educazione sono dei genitori e non loro. Spetta ai nuovi genitori prendere le decisioni importanti, crescere ed educare anche commettendo errori; i consigli sono doverosi, ma i nonni dovranno fare sempre un passo indietro accettando che l’ultima parola spetti sempre ai genitori.

Laddove quindi si riesce a creare un rapporto equilibrato tra genitori e nonni si instaurerà una relazione “arricchente” per tutti, soprattutto per i piccoli. I genitori avranno la serenità di sapere che i loro cuccioli sono al sicuro, perché dopo di loro, nessuno potrà amarli e prendersene cura meglio dei nonni.

I nonni, dal canto loro, riceveranno nuova linfa vitale, anche attraverso una riattualizzazione di una fase di vita passata che torna presente a livello psicologico. Avranno una nuova occasione per rimettersi in gioco nella fase di vita in cui hanno a disposizione tempo, pazienza e saggezza.

 

Loading...
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA
Piace a 3 persone.

Commenti

commenti