Salute

I capelli sono un disastro per il cambio di stagione? Rimedi naturali!

Foto del Profilo
di Daniela Bottarelli il
Commenti (0)

Se siete nel panico perché i vostri capelli appaiono deboli, sfibrati o più ribelli del solito, sappiate che potete risolvere i vostri problemi senza ulteriori traumi.

Ecco quindi qualche esempio di rimedi naturali, delicati e al tempo stesso incisivi, per la cura dei capelli.

  • Bicarbonato: quando i capelli sono ribelli, si cerca di fermarli con lacca o gel, non considerando però le conseguenze. Vogliamo infatti parlare dei residui che, inevitabilmente, rimangono? Per liberarvene diluite due cucchiai di bicarbonato a mezza tazza d’acqua e lasciate il tutto sui capelli per una quindicina di minuti.
  • Olio d’oliva e limone: un rimedio per il prurito al cuoio capelluto (dovuto a qualche reazione allergica, ma anche allo stress o al tempo particolarmente asciutto) può essere invece un mix di olio d’oliva e limone. Da lasciare in applicazione per venti minuti prima di sciacquare.
  • Yogurt. lo yogurt bianco stimola la crescita dei capelli, grazie al suo alto contenuto di probiotici. Applicatene mezza tazza sui capelli, avvolgeteli in un asciugamano e lasciate riposare per quindici minuti per poi sciacquare.
  • Miele. Se volte invece capelli più morbidi e lucidi, provate a mettere un po’ di miele sulla lunghezza dopo lo shampoo. Lasciatelo per qualche minuto e poi togliete i residui con dell’acqua.
  • Burro di cocco. Uno dei prodotti naturali più gettonati è il burro di cocco, ricco di proteine e acidi grassi, che tra i tanti pregi ha quello di proteggere i capelli dai raggi UV. L’importante è usarlo a temperatura ambiente.
  • Farina. La farina è consigliata a chi ha i capelli grassi. La potete applicare con le mani oppure con l’aiuto di una spugna, lasciando riposare per circa cinque minuti e spazzolando i capelli per liberarsene. Noterete i vantaggi, soprattutto nella lucentezza.
Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
si parla di
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti