Salute

I benefici dello iodio durante la gravidanza

Foto del Profilo
di Michela Gregoris il
Commenti (0)

Lo iodio è un elemento importante, ma spesso sottovalutato, nella dieta delle persone, che aiuta a prevenire problemi alla tiroide. Ma pare che per le donne in gravidanza lo iodio sia fondamentale anche per un altro motivo.

Alcuni studi, infatti, hanno rivelato che lo iodio assunto dalla futura mamma durante la gravidanza può avere effetti significativi anche sullo sviluppo mentale del bambino. Questo effetto, inoltre, si ripercuote anche a lungo nel tempo.
Una ricerca ha preso in esame un campione di donne che presentava nelle urine, durante la gestazione, una quantità di iodio pari al fabbisogno minimo giornaliero, e un campione che invece ne assumeva in scarsa quantità. Successivamente, a distanza di anni, i bambini di queste donne sono stati sottoposti a dei test cognitivi (all’età di 8 e 9 anni). I risultati migliori dei test erano quelli dei figli di donne che durante la gravidanza avevano assunto più iodio.

Un altro studio, invece, ha dimostrato in un modo diverso l’importanza di questo micronutriente. A un gruppo di bambini con una lieve carenza di iodio è stata somministrata una quantità di iodio pari al minimo fabbisogno giornaliero (che è stimato intorno ai 150 microgrammi): rispetto ai piccoli appartenenti al gruppo di controllo (cioè quelli a cui lo iodio non veniva somministrato) si è visto che chi lo assumeva otteneva risultati migliori nei test cognitivi. Ne consegue che anche nei primi anni di vita lo iodio può aiutare il bambino a sviluppare meglio le proprie abilità, sia psichiche che fisiche.

Assumere lo iodio non è molto difficile, anche se, soprattutto in Italia, sono ancora molti a non conoscerne i benefici. In vendita in tutti i supermercati, però, ci sono le confezioni di sale iodato: al normale sale da cucina è aggiunto il micronutriente in questione perché proprio il sale è uno degli elementi più usati in cucina. Per raggiungere i 150 microgrammi di iodio al giorno è sufficiente utilizzare la quantità di sale solita per il condimento di pasta, sale, verdure. Inoltre, lo iodio si trova in verdure, carni, ma soprattutto nei pesci e tutto ciò che vive in mare.

La dose giusta per una donna incinta è di poco più alta, 175 microgrammi al giorno, ed è raggiungibile con una dose comunque moderata di sale, senza pericolo di incorrere in ritenzione idrica o aumento della pressione sanguigna.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti