Parto

Hypnobirthing: che cos’è?

Foto del Profilo
di Giusy Ragni il
Commenti (0)

Hypnobirthing, cioè l’ipnosi viene praticata nelle sale parto già da tempo in Francia, Inghilterra e in America. E’ una pratica non recente, e praticamente quasi sconosciuta in Italia, gran parte delle donne si sono dichiarate timorose in merito a questa pratica,  che ha però un’ efficacia sempre più comprovata, molte in attesa mostrano anche curiosità nei confronti dell’ipnosi.

b_hamile_3

Forse anche da noi presto arriveremo al livello del Regno Unito dove la terapia natale dell’ipnosi è talmente popolare da essere stata autorizzata in alcuni ospedali in cui ostetriche con la specializzazione di ipnoterapeute insegnano alle future mamme come vivere l’esperienza più emozionante della vita femminile, senza i dolori del parto. Elementi indispensabili per usufruire dell’ipnosi sono un’apertura di spirito,  apertura mentale e una motivazione importante.

L’ipnosi è una pratica di meditazione profonda che porta, attraverso il controllo della mente, a uno stato di completo rilassamento; l’ipnoterapia pre-parto è un’ipnosi leggera grazie alla quale la donna vive la gravidanza serenamente, con un ottimale controllo delle ansie e della paura del parto che terrorizza le future mamme, in special modo quelle che devono affrontare il parto per la prima volta.

Le future mamme devono stare tranquille, l’ipnosi progettata per dare un valido supporto durante il parto non fa piombare in trance o in uno stato di sonno profondo, nessun pericolo e nessuna perdita di coscienza, la donna resta capace di intendere e di volere, ha il pieno controllo di ciò che le accade intorno; cambia aspetto solo il suo porsi e il suo reagire di fronte al travaglio in atto.

L’ipnosi leggera serve solo a stimolare il grado di rilassamento e la produzione di ormoni della nascita, cioè l’oxitocina e l’endorfina che agendo in modo ottimale mantengono bassa l’adrenalina nel sangue. Ormai consigliata a tutte le donne, l’ipnosi ha riscosso gran consenso dalle madri che l’hanno sperimentata, inoltre le statistiche in merito riportano anche di effetti benefici sui bambini nati da parto assistito con ipnosi, sono risultati più calmi e con ritmi del sonno più regolari. 

Sono sufficienti dalle otto alle dieci sedute, della durata di un’ora circa per imparare la tecnica dell’ipnosi e poi aspettando il momento del parto bisogna fare esercizio quotidiano, le donne che si preparano al travaglio scrupolosamente e con costanza entrano in sala parto lucide e consapevoli, padrone della situazione e controllate.

Hypnobirthing non ha effetti collaterali nè controindicazioni, anzi è un valido mezzo di prevenzione contro la depressione post-parto; è sconsigliato soltanto a soggetti con malattie mentali in atto o predisposizione a patologie mentali o patologie pregresse di natura psicologica.

 

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti