Gravidanza

Gravidanza extrauterina: sale il rischio per chi fuma

Foto del Profilo
di Valeria Notaro il
Commenti (0)

In base alla ricerca del Medical Research Council di Edimburgo il fumo aumenta il rischio di gravidanza extrauterina.

È risaputo ormai che il fumo fa male e se si sta cercando di avere un figlio è ancora più dannoso. Secondo il recente studio, infatti le donne fumatrici che cercano di concepire hanno una percentuale di rischio più alta di subire una gravidanza extrauterina.

I motivi non sono ancora del tutto chiari, ma quel che è certo è che il fumo danneggia le tube di Faloppio e a causa della nicotina l’embrione rischia di impiantarsi lì invece che nell’utero.

Le donne che fumano, rischiano di più rispetto a coloro che non hanno mai fumato. Dati alla mano, la gravidanza ectopica riguarda un parto su cento, e di queste il 43% dei casi sono donne fumatrici.

Tra le possibili cause potrebbe esserci l’inibizione nella produzione di un gene, denominato BAD che se assente porterebbe a una gravidanza extrauterina, considerando che la nicotina causa la morte indotta, la così detta apoptosi, delle cellule correlate ai geni e di conseguenza la riduzione dei BAD.

Gli studiosi spiegano che nelle primissime fasi della gravidanza, quando l’embrione si sta per impiantare, la presenza dei BAD lo aiuta a impiantarsi nell’utero, se invece i BAD sono assenti o in numero ridotto, l’embrione rischia di non impiantarsi nell’utero.

Sembra inoltre che la nicotina, porti alla realizzazione nella tuba di Faloppio di un ambiente analogo a quello dell’utero, portando l’embrione all’inganno.

Questo è un altro motivo che dovrebbe sensibilizzare le donne a non fumare in generale, ma specialmente se si sta cercando di avere un figlio.

 

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti