Essere Mamma

Ginnastica con l’elastico e dimagrisci subito

Foto del Profilo
di Valentina Molinero il
Commenti (0)

Ammettiamolo tutte le donne dopo la gravidanza vogliono tornare in forma, i metodi sono tantissimi, molte di noi provano anche discipline orientali, si fanno digiuni estenuanti ma il vero modo per tornare in forma e rimanerci resta quello di fare attività fisiche che ci permettono di bruciare molto e praticarle con costanza.

Germany, Mauern, Woman stretching rubber band, rear view

Oggi voglio parlavi proprio di un tipo di attività fisica ottime per tonare in forma e adatta anche durante l’allattamento, perché è possibile dosare l’intensità dello sforzo, aumentando o diminuendo le ripetizioni, in base a quanto si è allenate, sto parlando della ginnastica con l’elastico. Un modo divertente per svolgere comodamente a casa tutti gli esercizi utili per tonificare le zone che più hanno risentito della gravidanza.

La ginnastica con elastico è un modo diverso di fare esercizi per rassodarsi dopo il parto, l’elastico è una banda di tessuto elastico a forma di anello. Ha la stessa funzione dei pesi, cioè rende l’esercizio più “faticoso” perché, opponendosi al movimento degli arti, richiede uno sforzo muscolare maggiore. A differenza dei pesi, però, questo attrezzo è leggero e ha un ingombro minimo. Prima di iniziare gli esercizi di ginnastica con elastico è bene fare un po’ di riscaldamento, correndo sul posto.

Ecco alcuni esercizi di ginnastica con elastico utili per specifiche parti del corpo:

  •  rassodare il seno
  1. In piedi, gambe leggermente divaricate e ginocchia appena flesse. Afferrare l’elastico facendolo passare all’esterno delle mani e tenere le braccia, tese, davanti al petto. Allargare le braccia, eseguendo un movimento lento e costante e cercare di aprirle il più possibile, quindi ritornare nella posizione iniziale e ripetere dieci volte.
  2. Nella stessa posizione dell’esercizio precedente, afferrare l’elastico, tenere le braccia in basso davanti a sé e allargarle sino a tendere l’elastico. Portare le braccia sopra la testa, senza piegare i gomiti. Tornare nella posizione di partenza e ripetere l’esercizio dieci volte.
  •  scolpire i glutei
  1. In piedi, gambe unite, mani appoggiate allo schienale di una sedia o a un piano. Infilare l’elastico nei piedi. Piegare all’indietro una gamba cercando di avvicinare il tallone ai glutei, riabbassare e ripetere l’esercizio dieci volte per arto.
  2. Distese a terra a pancia in su, gambe unite e piegate, braccia lungo i fianchi. Infilare le gambe nell’elastico, portandolo poco sopra il ginocchio. Sollevare il più possibile il bacino e stringere i glutei, tenere la posizione per venti secondi e riscendere a terra. Ripetere il movimento per dieci volte.
  •  appiattire il ventre
  1. A terra a pancia in su. Infilare i piedi nell’elastico sino alle caviglie. Portare le braccia all’altezza delle spalle, con i palmi verso il basso. Alzare le gambe a squadra, tenendo le gambe leggermente divaricate, in modo che l’elastico sia in tensione. Divaricare lentamente i piedi, cercando di compiere il movimento più ampio possibile. Richiudere le gambe e ripetere dieci volte.
  2. Nelle stessa posizione dell’esercizio precedente, infilare le gambe nell’elastico e posizionarlo poco sopra le ginocchia. Braccia lungo i fianchi e gambe piegate. Sollevare il tronco avvicinando il petto alle ginocchia, ritornare verso terra, senza appoggiarsi, e ripetere dieci volte.
  •  snellire le gambe
  1. In piedi, braccia sui fianchi, il piede destro leggermente più avanti, con il tallone rialzato. Infilare l’elastico nei piedi, facendolo passare sul collo di quello in avanti e sotto la pianta di quello più indietro. Sollevare il ginocchio destro, come per avvicinarlo al petto, riabbassare la gamba e ripetere dieci volte per arto.
  2. Distese a terra su un fianco, appoggiare il gomito a terra e la testa sul palmo. L’altra mano va tenuta vicino al seno. Infilare l’elastico all’altezza delle caviglie e sollevare la gamba esterna sino a quando non l’elastico non lo impedisce. Riabbassare e ripetere dieci volte, poi cambiare fianco ed eseguire l’esercizio con l’altro arto.

 Questa ginnastica è davvero semplice, i primi risultati saranno veloci e potrete gestirlo come preferite, è importante chiarire che va comunque associato ad un’alimentazione controllata poiché per quanto possa essere utile l’elastico certo non può fare miracoli. Un’altra importante annotazione riguarda il non esagerare cercando di strafare, i migliori risultati si ottengono con la costanza, meglio 20 minuti tutti i giorni che un’ora una volta alla settimana.

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti