Gravidanza

Fa bene bere tisane in gravidanza?

Foto del Profilo
di Valeria Notaro il
Commenti (0)

È risaputo che le tisane sono un rimedio efficace contro alcuni problemi che possono insorgere in gravidanza, tuttavia durante il primo trimestre è bene stare attenti al genere di infuso che si beve. Questo perché l’organismo in gravidanza è più delicato e anche l’infuso più naturale può nascondere delle insidie. Prima di bere qualsiasi tipo di tisana quindi è opportuno chiedere il consiglio del proprio ginecologo.

Ma vediamo quali piante che in genere sono considerate sicure e utili per combattere qualche disturbo tipico della gravidanza.

Tisana a base di melissa

Una bella tisana di melissa aiuta a combattere la nausea gravidica, uno dei sintomi più temuti e fastidiosi dei primi tre mesi di gravidanza.

Tisana a base di zenzero

Anche lo zenzero è utile contro la nausea, tuttavia secondo le linee guida per l’assistenza prenatale del National Institute of Health and Care Excellence (NICE), è consigliabile assumere tisane a base di zenzero solo una volta al giorno e con massimo 1 o 2 grammi di questa radice.

Tisana a base di tiglio

Il tiglio è ottimo contro l’insonnia e il nervosismo, inoltra dona una sensazione di rilassamento che aiuta il sistema nervoso centrale. Molto utile anche in caso di crampi intestinali e in caso di problemi all’apparato respiratorio come costipazione e catarro, grazie alle sue proprietà mucolitiche.

Tisana a base di malva

È tra le tisane più bevute, utile per contrastare il mal di pancia e la stitichezza per via delle sue proprietà emollienti e antiinfiammatorie, benefica anche in caso di tosse e catarro e contro la cistite. Inoltre gli infusi che si ottengono con i suoi fiori si possono utilizzare come impacchi sugli occhi gonfi o per effettuare risciacqui in caso di gengive infiammate o afte.

 

 

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti