Rimanere Incinta

Esiste un’età giusta per avere un bambino?

Foto del Profilo
di Elisa Di Mattia il
Commenti (0)

Quante volte ci siamo chieste quale fosse il momento più giusto della nostra vita per mettere al mondo un bebè? Meglio avere un bambino da giovani, in un’età biologica più adatta per affrontare una gravidanza o aspettare un’età più avanzata, dopo essere riuscite a raggiungere una certa stabilità economica e lavorativa?

In realtà entrambe le scelte hanno i loro pro e contro, anche se le statistiche rivelano che negli ultimi anni, nel nostro Paese, le donne decidono di avere il primo figlio sempre più tardi, con conseguenti difficoltà di concepimento e problemi di fertilità, che spingono con maggior frequenza le coppie a rivolgersi a centri specializzati per la procreazione assistita.

Sicuramente il fattore età è di fondamentale importanza per il buon esito di una gravidanza: a livello fisiologico avere un figlio a vent’anni è sicuramente diverso che averlo a 40.

Eppure, secondo una recente ricerca, l’età più giusta per mettere al mondo un bebè non sarebbe quella tra i 20 e i 30, come ci aspetterebbe, bensì dopo i 35. A sostenerlo, i ricercatori Mikko Myrskylä della London School of Economics e Rachel Margolis della Canada’s Western University, che hanno condotto uno studio in collaborazione con la German Institute for Economic Research: stando ai risultati della ricerca, la fascia di età più indicata per avere un bambino è quella compresa tra i 35 e i 49 anni, non tanto per motivi fisici, quanto e soprattutto per questioni psicologiche.

Secondo gli esperti è in quella fascia di età che si riuscirebbe ad apprezzare meglio l’esperienza della genitorialità: stando alla ricerca, infatti, chi ha figli tra i 23 e i 34 anni, vede diminuire l’entusiasmo di essere diventati genitori dopo un paio d’anni, mentre chi mette al mondo figli tra i 18 e i 22 anni vede scemare la propria felicità subito dopo aver avuto un bambino.

Lo studio è stato condotto per otto anni su coppie inglesi e tedesche e i risultati hanno dimostrato che maggiore era l’età dei genitori, migliore era la loro predisposizione alla genitorialità. I motivi sono semplici: avere un bambino in età avanzata, significa in genere aver raggiunto una certa stabilità economica e professionale che predispone con maggior positività le coppie all’arrivo di un bebè. In caso contrario, mettere al mondo un figlio in età più giovane, potrebbe rappresentare un ostacolo per i propri progetti e ambizioni.

Sempre secondo la ricerca, l’ideale è avere al massimo due bambini: fino al secondo resta vivo il sentimento di gioia e stupore, mentre l’eventuale arrivo di un terzo figlio potrebbe far svanire l’effetto novità anche nelle coppie più ‘attempate’.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti