Gravidanza

Esami gratis nel primo trimestre: quali sono e come farli

Foto del Profilo
di Valentina Molinero il
Commenti (0)

Durante una gravidanza, la cosa più importante è quella di essere sempre informati. Ad esempio non tutti i neo genitori sanno che durante il primo trimestre molti esami sono gratis se eseguiti nei tempi giusti e prescritti dal medico di base o da una specialista di una struttura pubblica.

In Italia sono previsti molti esami gratis in gravidanza, vale a dire esenti anche da ticket, grazie al decreto ministeriale n. 245 del 10 settembre 1998. Che cosa prevede questa legge? In poche parole dichiara che alcuni esami, come ad esempio gli esami del sangue e delle urine, ecografie e, solo in certe condizioni, la villocentesi e l’amniocentesi per la diagnosi prenatale, siano gratuite, ovviamente con la condizione che siano prescritti dal medico in gruppi non superiori a otto per ogni impegnativa e che questi esami siano eseguiti alle scadenze prestabilite presso le strutture pubbliche o private accreditate. In poche parole, il Servizio Sanitario Nazionale prevede una serie di visite e di esami che sono gratuiti purché vengano effettuati in strutture pubbliche (o convenzionate col SSN) e nelle settimane indicate dal Ministero della Salute. A questo punto, nasce spontanea la domanda, su come si può accedere a questi servizi. Per ottenere l’esenzione, è necessario recarsi da un medico di base o da un ginecologo di una struttura pubblica e far si che lui faccia l’impegnativa, indicando sul ricettario sia il codice di esenzione sia la settimana di gestazione. Ma vediamo più nel dettaglio gli esami offerti dal Ministero della Salute:

  • Le visite di controllo dal ginecologo: Tra gli esami gratis in gravidanza rientrano anche alcune visite mediche periodiche ostetrico-gineologiche, ma solo se effettuate in una struttura pubblica o convenzionata. Si tratta degli incontri periodici con il proprio ginecologo, durante i quali lo specialista controlla l’andamento della gravidanza e prescrive gli esami di controllo necessari. La prima visita, in particolare, eseguita in genere tra l’8a e la 13a settimana di gravidanza, è la più lunga e approfondita. In questa occasione il medico raccoglie una serie di informazioni relative alla donna, al partner e alle rispettive famiglie, in modo da evidenziare alcune condizioni che potrebbero influire sull’andamento della gestazione. Poi il ginecologo fa una visita interna per controllare l’avvenuto concepimento e misura il battito cardiaco del feto, controlla il peso della gestante e la pressione sanguigna. Se la gravidanza procede bene, gli appuntamenti dal ginecologo avranno cadenza mensile fino alla 32a-34a settimana, quindicinale dalla 34a alla 38a e settimanale fino al termine dell’attesa.
  • Gli esami del sangue e quelli delle urine. Anche gli esami del sangue e delle urine fanno parte degli esami gratis in gravidanza. Questi hanno lo scopo di verificare lo stato di salute della futura mamma e di escludere la presenza di problemi. Per avere l’esenzione dal ticket, vanno eseguiti in periodi ben precisi della gravidanza.
  • 3 ecografie. Sono tre le ecografie che rientrano negli esami gratis in gravidanza. In particolare la prima ecografia che va eseguita entro la 13a settimana e serve per definire la settimana di gestazione e la data presunta del parto. La seconda ecografia si fa tra la 19a e la 23a settimana per verificare la regolarità dello sviluppo del feto e l’ultima tra la 28a e la 32a settimana di gravidanza e serve per valutare che il piccolo stia crescendo bene in rapporto all’età gestazionale.
  • Diagnosi prenatale. Villocentesi e amniocentesi, esami che servono per identificare eventuali anomalie cromosomiche come la sindrome di Down possono essere eseguite gratis ma solo in alcune condizioni: presenza di un rischio procreativo prevedibile a priori, come quando la madre ha più di 35 anni o di un rischio fetale resosi evidente nel corso della gestazione, magari durante un’ecografia.

Come avrete notato sono esami importanti e visto che è possibile farli gratis, perchè pagare? Essere informati sui servizi alla salute è molto importante specialmente in gravidanza.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti