Da 1 a 3 anni

Educarlo a usare il vasino

Foto del Profilo
di Michela Gregoris il
Commenti (0)

Il vostro bambino sta crescendo e state iniziando a pensare, magari con una punta d’ansia, che sia arrivato il momento di passare dal pannolino al vasino. Niente panico, con calma e per gradi otterrete senz’altro ottimi risultati.

Vasino-bambini

Ecco alcuni consigli che potete seguire.

Di solito il momento giusto per iniziare questo importante passaggio è attorno ai 18-20 mesi. In questo periodo il vostro bambino inizierà ad avere maggiore controllo degli sfinteri, più consapevolezza degli stimoli a fare i bisogni e sarà in grado di comunicarlo abbastanza tempestivamente a mamma e papà. Naturalmente è anche importante che il piccolo sia in grado di usare il vasino in modo autonomo (cioè sedersi e alzarsi senza difficoltà) e trattenere la pipì almeno mezzora.

Potete quindi provare a togliere il pannolino a vostro figlio per un po’ di ore durante la giornata, e fare attenzione ai segnali che vi darà riguardo ai propri bisogni; per esempio alcuni bambini arrossiscono quando percepiscono lo stimolo, altri si toccano i genitali. Riconosciuto il segnale, sarà quello il momento di accompagnare il bambino al vasino. Le prime volte sarà normale incorrere in qualche “incidente” che farà sentire vostro figlio a disagio, ma questo non farà che spingere il bambino a ricordarsi di avvisare i genitori quando ha bisogno del vasino.

Non è necessario togliere subito il pannolino anche durante la notte: per la serenità sia sua che vostra, all’inizio limitatevi solo alle ore diurne. Quando vi accorgerete che vostro figlio la mattina è sempre asciutto, allora provate a togliere il pannolino anche per la nanna. E non dimenticate: gli incidenti capitano, ed è importante che il piccolo sappia che non c’è nulla di male!

Se, una volta capito il meccanismo, il bambino sul vasino non riesce a liberarsi, può essere necessario cercare di rilassarlo con un gioco o aprire il rubinetto per stimolarlo. In caso di insuccesso, non accanitevi ma lasciate stare e in caso riprovate più tardi.

Anche la scelta del vasino è importante: prendetene uno dai colori allegri e vivaci, e prima che lo usi lasciate che il bimbo ci giochi, in modo da rendere l’oggetto più familiare ai suoi occhi. Inoltre, se vostro figlio vuole che mamma o papà siano presenti nel momento in cui lo usa, accontentatelo finché non si sarà abituato alla novità. È anche importante che il bambino si abitui a usare il vasino ovunque: se per esempio passa la giornata dai nonni, ci dovrà essere un vasino per lui anche lì.

In caso di difficoltà a familiarizzare con questa novità si possono usare dei piccoli premi per convincerlo a usare il vasino: ma ricordate che devono essere davvero piccoli regali (una caramella, un bacino) e vanno usati solo all’inizio.

Un’altra difficoltà comune si incontra quando il bambino fa la pipì nel vasino ma non la cacca: questo può essere dovuto a un problema di stitichezza, e in questo caso bisognerà provvedere a eliminare il problema con la giusta alimentazione. Ulteriori motivi di rifiuto al vasino possono essere dovuti alla volontà di contrariare i genitori: in questa fascia d’età, infatti, il bambino è normale cerchi di sperimentare la propria indipendenza e sfida mamma e papà per auto affermarsi: in questo caso è importante che il bambino non viva l’uso del vasino come un’imposizione.

A volte può succedere che il bambino usi il vasino per un periodo e poi non lo voglia usare più: questo accade per esempio quando arriva un fratellino o una sorellina, ed è un modo per esigere più attenzioni dai genitori. Non c’è da preoccuparsi, è una fase normale che passerà presto.

La cosa importante è mantenere sempre un atteggiamento il più possibile sereno: il bambino non va sgridato per gli eventuali insuccessi, onde evitarne la frustrazione, ma va incoraggiato e allo stesso tempo rassicurato. Se vi rendete conto che il processo è troppo difficile e frustrante per vostro figlio (per esempio al momento di fare i bisogni va a nascondersi), forse è semplicemente troppo presto per lui, e sarà quindi il caso di rimandare ancora di qualche mese.

Procedere con pazienza, serenità e in modo graduale è la maniera migliore perché passare dal pannolino al vasino sia un’esperienza il più possibile naturale.

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti