Essere Mamma

È traumatico per il bimbo il tuo ritorno a lavoro?

Foto del Profilo
di Cinzia Caserio il
Commenti (0)

Secondo gli esperti, il momento migliore per riprendere le attività lavorative è quello successivo al primo anno di vita. Andrebbe evitato invece il periodo fra gli otto e i nove mesi, in cui il bambino non ha ancora sviluppato la necessaria autonomia motoria e psicologica. In ogni caso, il distacco può provocare ansia sia a voi che a vostro figlio, perciò va programmato con attenzione. Per renderlo meno traumatico si possono prendere piccoli accorgimenti. Se possibile, almeno per i primi tempi è consigliabile affidare il bimbo alle cure dei nonni o di altri parenti, capaci di infondere un senso di sicurezza e familiarità, riducendo così l’ansia da separazione. Se invece optate per una baby sitter, questa deve trovarsi in piena sintonia con il bambino. L’asilo nido va scelto con cura e il bambino va rassicurato. La regola generale è che le persone o le strutture cui decidete di affidare i vostri figli devono essere dei problem solvers e non dei problem makers. In poche parole: se servono a rendere il rientro al lavoro meno traumatico per voi e per il bimbo vanno bene, altrimenti vano considerate altre soluzioni.

Un altro modo per rendere la separazione meno dura è quello di passare più tempo possibile con i propri figli dopo il lavoro. Che sia part time o full time, che abbiate a disposizione molte ore o poche, non appena tornate a casa fategli sentire la vostra presenza. Il gioco può essere un ottimo modo per rassicurare il bimbo e per scaricare la tensione accumulata durante la giornata.

Un altro problema connesso al rientro lavorativo è quello dell’allattamento. Interrompere o continuare? I pediatri sono d’accordo: la poppata va garantita fino al sesto mese. Se però il ritorno in ufficio comporta lo svezzamento, questo deve essere graduale. Alcuni consigliano di affiancare le prime pappe all’allattamento serale, capace di tranquillizzare il bambino sulla vostra presenza nella sua vita. Per un ritorno al lavoro sereno, vissuto con naturalezza.

Loading...
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti