Gravidanza

Diventare mamma dopo i 33 anni, allunga la vita

Foto del Profilo
di Valentina Molinero il
Commenti (0)

Si parla sempre male delle gravidanze dopo una certa età, nonostante questo il numero delle mamme over 40 è in costante aumento. In effetti, i recenti dati Eurostat hanno dimostrato come l’istinto materno diventi più forte dopo quest’età; per di più, secondo un recente studio americano, non sarebbe affatto un male portare avanti una gravidanza superati i 30 anni, poiché, rallentando l’invecchiamento e facendo diminuire il rischio di malattie legate all’etàdiventare mamma dopo i 33 anni allunga la vita.

A guidare la classifica per il maggior numero di mamme over 40 sono l’Italia e la Svizzera: negli ultimi 4 anni le madri che hanno superato la soglia degli “anta” sono aumentate di oltre il 5,3 per cento in Italia e del 5,2 in Svizzera; l’età media della maternità è così salita a 31,2 anni, tra le più alte in Europa insieme a Irlanda e Spagna.

Per una donna i quarant’anni corrispondono a un vero e proprio spartiacque e, per quanto ci si voglia sentire sempre giovani, per la psiche inizia la fase di passaggio verso una maturità più ampia che comporta inevitabilmente un cambiamento nel modo di percepire il tempo, di vivere le relazioni di coppia, di  pensare la propria vita.

L’arrivo del primo figlio può fare sentire di più quanto peculiare e delicata sia questa fase dell’esistenza. Innanzitutto va distinto il caso di prima gravidanza da quello delle donne che hanno già figli: nella prima ipotesi, infatti, restare incinta può essere naturalmente più difficile e i rischi per il feto e per la mamma aumentano. La prima gravidanza dopo i 40 anni, infatti, può comportare tante complicazioni, tra le quali il rischio di aborto spontaneo o anomalie cromosomiche nel feto come la Sindrome di Down.

Se i rischi dopo i quarant’anni ci sono, però, è anche vero che una gravidanza dopo i 33 anni e prima dei 40,  potrebbe portare benessere alla donna. Secondo un recente studio, infatti, le donne che partoriscono naturalmente il loro ultimo figlio dopo i 33 anni, hanno una vita più lunga e hanno il doppio delle possibilità di arrivare a 95 anni rispetto a quelle che hanno un ultimo bambino prima delle 30 candeline.

I ricercatori, guidati da Thomas Perls, hanno spiegato che questo vantaggio potrebbe essere legato al fatto che l’organismo delle donne in grado di partorire naturalmente in età non più giovanissima è meno ‘usurato’ e quindi particolarmente adatto alla sopravvivenza. Lo studio è americano, dell’Università di Boston, ed è stato pubblicato sulla rivista Menopause, il risultato è che le donne che rimangono incinta dopo i 33 anni, senza l’aiuto di farmaci o trattamenti, avrebbero più probabilità di vivere a lungo.I risultati dello studio sarebbero coerenti con altre scoperte sul rapporto tra età della madre, nascita dell’ultimo figlio e speranza di vita.

Thomas Perls, autore principale dello studio, ha spiegato al Washington Post che i geni che permettono a una donna di avere un bambino in età avanzata sono gli stessi che svolgono un ruolo molto importante nel rallentare il tasso di invecchiamento e diminuire il rischio per le malattie legate all’età, come malattie cardiache, ictus, diabete e cancro. I ricercatori hanno L’obiettivo di questo studio, in effetti, come affermato dagli stessi ricercatori, è soprattutto quello di comprendere il processo di invecchiamento e individuare dei farmaci per rallentarlo. L’autore della ricerca ha comunque sottolineato che questa scoperta non deve spingere le donne che vogliono diventare mamme a ritardare volutamente la gravidanza.

Insomma donne, se un bambino arriva dopo i 33 anni non preoccupatevi perché allungherà la vostra vita, naturalmente è bene sempre tenere sott’occhio la gravidanza, fare esami preventivi e tenere sotto controllo il feto, così da scongiurare rischi di malattie. Il fatto che una gravidanza dopo i 33 anni allunghi la vita, non vuol dire che assicuri al bambino la salute.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA
Piace a 1 persona.

Commenti

commenti