Bimbo

Denti sani fin da piccoli

Foto del Profilo
di Mara Martini il
Commenti (0)

Tra i 24 e i 30 mesi, la dentatura da latte è completa: 20 piccoli denti teneri e piuttosto giallini, che richiedono cure quotidiane fin da ora, come – o forse più – di quelli degli adulti.

denti-da-latte

I denti dei bambini sono naturalmente più facili a spezzarsi, e per questo bisogna che i piccoli siano accorti quando li lavano o quando li usano per mordere i cibi duri, ma le attenzioni più importanti e più spesso dimenticate (se è vero, come riferisce la Associazione Igienisti Dentali Italiani, che a quattro anni un bambino su cinque ha già all’attivo una o più carie), vanno riservate proprio alla pulizia: solo una corretta e costante igiene orale, praticata sin dalla più tenera età, permette di costruire un buon “capitale” dentario su cui poter contare per lunghi anni a venire. Oltre a prevenire la formazione di placca e tartaro, il lavaggio quotidiano dei denti, eseguito mattina e sera e dopo ogni pasto principale – unito ad una buona educazione alimentare – consente di tenere lontani disturbi come: dolore, infezioni, malocclusione, perfino errata articolazione del linguaggio. Vale, insomma, il solito vecchio adagio: “prevenire è meglio che curare”!

Possiamo dire che fino ai cinque anni – in assenza di problemi specifici – è sufficiente che i genitori controllino con una certa frequenza l’andamento della dentizione e poi le condizioni della dentatura del bambino, “istruendolo” al momento opportuno su come occuparsi da solo della propria igiene orale. È necessaria invece una visita dall’odontoiatra nel caso si osservino: particolari fattori di rischio – come l’abitudine del bambino a succhiare il pollice, a tenere il ciuccio in bocca oltre i 3 anni, oppure la difficoltà a respirare con il naso; o indizi di patologie già in atto, come una cattiva masticazione e la presenza di macchie scure sui denti che possono indicare delle carie.

Per quanto riguarda più propriamente le operazioni di pulizia di denti e bocca, queste vanno iniziate ben prima dei 3 anni. Quando ancora non è spuntato il primo dentino, mamma e papà dovrebbero pulire delicatamente le gengive dopo i pasti con una garza bagnata. I primissimi denti vanno invece detersi con uno speciale spazzolino pediatrico a setole morbidissime e asciutto che il genitore può “calzare” come il dito di un guanto.

E infine, intorno ai due anni e mezzo, il bimbo va accompagnato verso l’autonomizzazione della pulizia, insegnandogli le norme basilari sull’uso di spazzolino e dentifricio e sulla frequenza dei lavaggi, e mostrandogli davanti allo specchio come fare (cioè, muovendo lo spazzolino in senso verticale dalla gengiva all’estremità del dente). Ovviamente, per i primi tempi, è bene che il genitore controlli personalmente il lavoro effettuato dal piccolo ed eventualmente lo “ripassi” egli stesso!

Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti