Dal sesto al nono mese

Come sentirsi “più leggere” negli ultimi tre mesi

Foto del Profilo
di Michela Gregoris il
Commenti (0)

A fine gravidanza il pancione cresce e aumentano i disturbi delle future mamme: mal di schiena e bruciore di stomaco sono i principali e contribuiscono a peggiorare quella sensazione di pesantezza che può rendere ancora più faticose le vostre giornate. Vediamo come affrontarli.

Che pesantezza!

Negli ultimi tre mesi di gestazione il peso del bambino aumenta molto, e di conseguenza il vostro pancione diventerà enorme! O meglio, non enorme, ma questa è la sensazione che molte mamme provano a fine gravidanza, con una spiacevole sensazione di pesantezza al basso ventre. Per evitarla, è consigliabile cercare di non restare in piedi per troppo tempo e, se non vi sono controindicazioni, praticare nuoto o attività in acqua, che aiuta a scaricare il peso tenendovi “sollevate”. L’uso della guaina premaman è consigliato a piccole dosi, perché utilizzarla troppo di frequente allevia sì il mal di schiena ma fa anche rilassare i muscoli lombari, che invece devono essere ben allenati per sostenere il nuovo peso.

Bruciore di stomaco, che tortura!

Purtroppo è un disturbo frequente a fine gravidanza, perché il pancione schiaccia gli organi contenuti nella zona addominale, provocando difficoltà di digestione e reflusso gasto-esofageo. Per ovviare al problema si consiglia in particolare di evitare i cibi troppo pesanti e grassi, evitare tè e caffè che aumentano l’acidità, mangiare a piccole porzioni più volte nella giornata e non coricarsi subito dopo il pasto, ma lasciar passare almeno due ore. Anche dormire con due cuscini sotto la testa, se non vi dà fastidio, può essere di aiuto.

Quel maledetto mal di schiena

È inevitabile che con il crescere del pancione e del suo peso anche la vostra postura subisca delle modifiche, che possono portare a mal di schiena parecchio fastidiosi, accompagnati da formicolio alle gambe.
Per prima cosa bisogna fare attenzione a non ingrassare più del necessario, in più una moderata attività fisica potrà esservi di aiuto: sì quindi allo stretching e soprattutto allo yoga (ci sono corsi specifici premaman) e sì anche ai massaggi, che andranno eseguiti da mani esperte.
Se possibile, inoltre, riposare più volte al giorno per circa un quarto d’ora sdraiate sul lato destro aiuterà a decontrarre la colonna vertebrale.

Sensazione di affanno

A fine gravidanza è assolutamente normale che con poca attività fisica vi manchi il fiato: vi portate dietro un peso maggiore (come camminare con un sacco di circa 9 chili!) e inoltre il sangue in questo periodo è più diluito, quindi la concentrazione di ossigeno è minore. E non dimenticate che il cuore pompa sangue per due persone.
Inoltre, con l’aumento del pancione anche il vostro torace non si espande del tutto come prima, perciò per incamerare aria bisogna compiere più atti respiratori del normale. Quindi il consiglio è quello di… fare con calma. Riposatevi quando ne sentite la necessità, diminuite gli sforzi e l’attività fisica dovrà essere comunque sempre leggera.

Caviglie gonfie

Un altro problema tipico è quello del gonfiore agli arti inferiori: come visto, la circolazione del sangue ha subito una notevole modifica soprattutto nell’ultimo periodo, soprattutto per l’ostacolo rappresentato dal pancione.
Il consiglio è quindi quello di sdraiarsi con le gambe un po’ sollevate più volte durante la giornata, in modo da favorire il ritorno della circolazione, e anche qualche passeggiata (magari di mezz’oretta circa per non affaticarsi) aiuta a far circolare meglio il sangue.
Inoltre, docciature fredde, fatte partendo dalle caviglie per risalire su fino alle cosce e massaggi con creme al mirtillo sono indicate per alleviare questi fastidiosi gonfiori.

 

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti