Dove Partorire

Come scegliere la struttura ospedaliera

Foto del Profilo
di Valeria Notaro il
Commenti (0)

Quando si scopre di essere incinta bisogna predere molte decisioni, una delle prime è scegliere dove far nascere il proprio bambino. Al giorno d’oggi esistono varie strutture ospedaliere, tutto sta nell’informarsi e nel prendere in considerazione alcuni fattori importanti.

Una prima scelta deve essere quella fra un ospedale pubblico e uno privato: gli ospedali pubblici offrono un’assistenza totale alla futura mamma e al bambino per qualsiasi necessità. L’ospedale privato invece dispone di strutture più confortevoli, ma le spese sono tutte a carico del paziente.

Una volta effettuata la scelta fra stutture pubbliche e private bisogna prendere in considerazione altri fattori per poter scegliere l’ospedale più adatto a voi, ma quali?

Ecco alcune cose importanti alle quali pensare:

Quanto è distante l’ospedale da casa vostra? E’ importante che la struttura ospedaliera da voi scelta non si trovi lontano dalla vostra abitazione, si trovi in una zona tranquilla e facile da raggiungere, ci sia possibilità di parcheggiare facilmente.

L’ospedale effettua l’epidurale? Qualora la futura mamma lo voglia deve avere la possibilità di effettuare un’analgesia in qualsiasi momento, alcuni ospedali non dispongono di un’anestetista 24 ore su 24.

Durante il travaglio è consentito fare una passeggiata o mangiare qualcosa? Alcuni ospedali non permettono alla donna di lasciare la propria stanza durante le contrazioni, è dimostrato però che facendo due passi e mangiando qualcosa di leggero ma di energico si aiuta la donna, non solo a mantenersi più calma, ma ad avere anche più energie.

Durante il parto è permesso alla futura mamma di adottare la posizione che desidera? La donna, salvo complicazioni, dovrebbe poter partorire nella posizione che trova più comoda, inoltre dovrebbe essere possibile il parto in acqua qualora la donna lo desideri.

E’ permesso al futuro papà o a un parente assistere al parto? Non tutti gli ospedali lo permettono, ma l’assistenza o meno al parto dovrebbe essere una scelta dei futuri genitori.

Il bambino viene lasciato con la mamma subito dopo la nascita e dopo la prima visita medica? E’ importante che il primo contatto del bambino sia con la propria mamma.

Il bambino è tenuto nella stanza con la madre (rooming in) o viene messo nel nido? Ogni donna dovrebbe poter scegliere se tenere il bambino con sè o affidarlo al nido dell’ospedale, la scelta dipende dalle necessità della futura mamma. Spesso la futura mamma vuole avere un rapporto con il proprio figlio fin da subito accudendolo durante il giorno e durante la notte, altre donne al contrario, la notte preferiscono lasciare il bambino al nido per poter riposare, alcune mamme invece vogliono tornare in forze prima di accudire il loro bambino e quindi lo affidano al nido per tutto il tempo del ricovero.

Come vengono gestite le visite esterne di amici e familiari? Spesso in molti ospedali non c’è un adeguato controllo sugli orari di visita e questo può provocare stanchezza e stress sia al bambino che alla mamma. Controllare come vengono fatti rispettare gli orari di visita e se al padre è permesso di restare oltre l’orario consentito.

Infine ricordate che la scelta dell’ospedale deve essere effettuata in base ai fattori ritenuti più importanti per voi futuri genitori.

 

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti