Gravidanza

Come prepararsi all’allattamento

Foto del Profilo
di Laura Pandolfi il
Commenti (0)

Durante la gravidanza dedicherete probabilmente molta attenzione ai preparativi per il parto. Tuttavia, è necessario iniziare a pensare anche all’allattamento, perché dopo il parto disporrete di poco tempo e dovrete subito affrontare questa sfida.

La preparazione più importante riguarda il livello mentale e quello emotivo. Innanzi tutto ricordatevi di fidarvi delle vostre capacità fisiche e di quelle di vostro figlio. Questo perché le premesse fisiologiche all’allattamento sono innate sia nella madre che nel neonato, a patto che entrambi apprendano il meccanismo e lo esercitino. L’importante è creare le condizioni migliori, poi tutto verrà da sé diventando facile ed automatico.

Frequentare durante la gravidanza un gruppo di allattamento potrà aiutarvi ad osservare altre madri, raccogliendo impressioni positive. Tutto ciò andrà a favorire la fase dell’allattamento quando arriverà e potrete giovare dei consigli di un esperto su come gestirla al meglio anche in caso di problemi particolari al seno, malattie croniche o handicap.

Un altro consiglio per prepararsi al meglio all’allattamento può essere quello, se il clima lo consente, di esporre il seno all’aria e al sole, anche se dovete fare attenzione ai capezzoli che devono essere esposti ai raggi del sole solo per brevi periodi. Inoltre ricordate che l’acqua fredda tonifica i capezzoli sensibili. Praticate quindi docce fredde al seno o lavatalo con un guanto da bagno ruvido e acqua fredda, asciugandolo poi con una salvietta ruvida.

Per quanto riguarda i prodotti per preparare il seno all’allattamento come gel preparatori, fazzoletti antisettici o prodotti per la detersione e l’igiene del capezzolo, sono realmente necessari? Potremmo dire di no, infatti in realtà vari studi hanno evidenziato il fatto che i tubercoli di Montgomery, ovvero quei “brufolini” intorno all’areola che diventano più evidenti in gravidanza, secernono una sostanza emolliente e antisettica che costituisce un protezione naturale per il capezzolo.

Loading...
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti