Essere Mamma

Come organizzare il proprio tempo e fare tutto

Foto del Profilo
di Valentina Molinero il
Commenti (0)

E’ risaputo che noi genitori abbiamo poco tempo, prima abbiamo mille hobby, mille attività da fare e poi arriva il bebè e tutto si ferma. Il primo anno è il più difficile, poi il bimbo prende il suo ritmo, i suoi orari e ci si può organizzare per fare altre cose. Prima della nascita del nostro bimbo, il tempo libero era già pochissimo, ma dopo sembra davvero che non ci sia più neanche un secondo per mettersi lo smalto.

Fra lavoro, casa, figli e marito trovare il tempo per se stesse è un’impresa, ma le mamme non devono demordere, basta solo un po’ di organizzazione. Ecco alcuni consigli per riordinare i propri impegni, organizzare le giornate e aver tempo per tutto. Tutte le mamme sono in perenne lotta contro il tempo, conciliare i diversi ruoli è possibile, cominciando ad usare l’agenda, pianificando le varie attività della famiglia e quelle del lavoro, ma soprattutto imparando a delegare, poiché chiedendo aiuto si può trovare un’ora per prendere un caffè con le amiche o per andare in palestra o a fare shopping. Per poter rendere al meglio sul lavoro, curare il proprio bambino, non trascurare il marito, ritagliarsi tempo per se stesse e per la coppia, è necessario seguire queste regole:

  • Non avere fretta

Dopo la nascita di un figlio ritrovare i propri spazi è difficile. Bisogna però, essere consapevoli che molte cose saranno diverse rispetto a prima, non si può pretendere di ricominciare a comportarsi come un tempo. Il primo consiglio è di non affrettare i tempi. Dopo il parto, è bene concedersi un periodo di “stand by”, in cui preoccuparsi solo di se stesse e del bebè. Solo una volta trascorsi uno-due mesi dal lieto evento, si può iniziare a programmare la propria vita.

  • Imparare a gestire l’agenda

È importante, poi, imparare a gestire al meglio l’agenda, segnare gli appuntamenti di lavoro inderogabili, le visite dal pediatra, le riunioni con il capo. Chiedere al partner di fare lo stesso e poi confrontare i due planning. Quindi, verificare se ci sono momenti in cui entrambi i genitori non hanno impegni, infatti sono proprio queste ore di “libertà” da sfruttare per i propri impegni personali, la mamma ad esempio può chiedere al papà di occuparsi del piccolo mentre va dal parrucchiere o in palestra o esce con un’amica. Se, poi, i genitori non riescono ad alternarsi nella gestione del piccolo, si può chiedere aiuto ai nonni, ad altri parenti o a un’amica.

  • Delegare al lavoro

Anche sul lavoro per le mamme è importante l’organizzazione. Prendere qualche permesso ogni tanto, delegare a un collega più giovane progetti che non richiedono grande esperienza, chiedere al collega più anziano una sostituzione non è indice di scarsa professionalità. Proprio chiedendo una mano, si possono ottenere risultati inaspettati

  • Individuare i passatempi preferiti

Per non farsi assorbire completamente dal nuovo ruolo di mamma serve molta organizzazione e innanzitutto è bene circoscrivere il cerchio degli interessi. Trovare il tempo per fare tutto è una pretesa irrealistica ma riuscire a ritagliarsi due-tre ore alla settimana per dedicarsi ai propri passatempi preferiti, invece, è assolutamente fattibile. In poche parole decidete ciò di cui non potete fare a meno.

  • Eliminate il concetto d’infallibilità

Per finire, smettetela di sentirvi infallibili e di interpretare il ruolo della super mamme. Non dovete necessariamente fare tutto, non dovete per forza essere un’ottima lavoratrice, un’ottima madre e un’ottima moglie, concedetevi di sbagliare, fate quello che riuscite e cercate sempre di non trascurare la vostra vita di donna.

Organizzarsi, capire le proprie priorità, chiedere aiuto e affidarsi ad un agenda possono essere il modo giusto per fare tutto e farlo la meglio, ma ovviamente non può mancare l’umiltà.

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti