Non rimango incinta

Come capire se si è sterili

Foto del Profilo
di Cinzia Caserio il
Commenti (0)

Se volete diventare mamme e ancora non è successo, probabilmente vi starete chiedendo se siete fertili o meno. Il primo passo da fare, ancora prima di rivolgersi ad un medico, è quello di mantenere la calma e passare in rassegna alcune variabili. Innanzitutto, il tempo. Da quanto tempo state cercando di avere un bambino? Se non è passato nemmeno un anno dall’inizio dei tentativi, non è il caso di allarmarsi. Poi pensate al vostro stile di vita: siete stressate, mangiate cibi poco sani, fumate o bevete troppi alcolici? Se sì, potreste avere maggiori difficoltà a concepire un bambino.

coppia-cerca-un-figlio

Un altro fattore da considerare è la regolarità dei rapporti sessuali e il periodo in cui avvengono. Il momento migliore per restare incinte è quello dell’ovulazione, che si colloca fra il decimo e il diciassettesimo giorno del ciclo mestruale. La fertilità è in relazione anche con l’età della donna: è massima tra i 20 e i 25 anni e diminuisce progressivamente. Anche il peso influenza il concepimento. Un dimagrimento eccessivo, i chili di troppo o le diete sbagliate possono alterare l’ovulazione. Se tutti questi parametri sono nella norma è il caso di rivolgersi al ginecologo, che saprà consigliarvi gli esami adatti. Innanzitutto, per escludere la presenza di batteri a livello uretrale e vaginale, si procede con uno screening micro-biologico genito-urinario.

Il secondo step è un’analisi del sangue, necessaria per valutare i valori ormonali, e un’che indaghi l’attività ovarica. Inoltre può essere utile effettuare il post coital test, per valutare il rapporto fra l’ambiente cervico-vaginale e gli spermatozoi in prossimità del periodo ovulatorio. Se necessario si effettuano anche un’isteroscopia – per esaminare la cavità uterina –, e una laparoscopia – per osservare la cavità addominale, in particolare gli organi genitali interni –. L’isterosonografia si occupa anche dello stato delle tube, che vengono esaminate con un’ecografia dopo aver inserito un mezzo di contrasto nell’utero.

Hai trovato utile questo articolo?
VOTA
Piace a 2 persone.

Commenti

commenti