Bimbo

Coltivare degli hobby

Foto del Profilo
di Chantal De Honestis il
Commenti (0)

Come si dice… per i bambini giocare è una cosa molto seria!!!!

Molti genitori associano la parola ‘gioco‘ ad attività non produttiva, ma, in realtà il gioco è il lavoro del bambino.

Attraverso i giochi i bambini sviluppano le proprie capacità motorie e intellettive, soprattutto, traggono maggior beneficio dai giocattoli quando questi sono adatti alla fase dello sviluppo che stanno attraversando.

Nel periodo della scuola elementare il bambino si dedica al gioco di costruzione, così l’attività manipolativa già presente dai 18 mesi diventa in questo periodo fondamentale. Proprio in questa fase è molto importante per lo sviluppo futuro del proprio figlio fornirgli l’occorrente per coltivare un hobby o un interesse in particolare.

Tra le altre cose, aiutare il proprio figlio nella ricerca di un hobby, è anche una forma di cooperazione e complicità che si crea tra figli e genitori, non è strano che i  figli molto frequentemente coltivino quelli che sono gli hobby e gli interessi dei genitori.

Sono momenti di grande valore che il bambino porterà con sé per tutta la vita, ricordando i momenti in cui seduto sul divano il sabato pomeriggio imparava a suonare la chitarra o costruiva modellini di aereoplano.

Diremo di più, spesso un bimbo proprio per il piacere di stare più tempo con i propri genitori si interesserà a quelli che sono i suoi interessi e piano piano quell’interesse diventerà il suo.

Capita che non tutti i genitori abbiano interessi, questo non vuol dire che il proprio bimbo non ne avrà, resta importante in questa fase la posizione del genitore che dovrebbe essere sempre di sprone e di interesse di fronte alle nuove attività del figlio.

Altre volte invece ci si ritroverà ad avere dei figli con hobby e interessi del tutti diversi dai nostri.

Il fatto che un bimbo si dedichi ad un hobby lo aiuta nell’apprendimento di importanti regole di vita quali ad esempio la passione, la costanza, l’importanza di portare a termine qualcosa che si è iniziato e tutto questo lo fa proprio in modo del tutto naturale e inconsapevole; naturalmente anche grazie ai genitori che, consapevoli di ciò, lo aiuteranno nel suo cammino di acquisizione.

Ma un hobby non fa solo questo, libera e sprigiona la creatività, la fantasia e la manualità.

Il tempo dedicato al proprio hobby è un tempo buono, ricco e produttivo, che impedirà al bambino di conoscere la noia e l’ozio passivo davanti alla televisione.

Un bimbo che nell’infanzia ha sviluppato un proprio hobby con molta probabilità sarà un adulto equilibrato e con un importante valvola di sfogo.

E’ molto probabile che gli hobby e attività che farà proprie in questa età saranno comuni tra tutti i bambini; calcio e videogiochi per i maschietti e danza per le femminucce, ad esempio. Questo però non impedisce ai genitori di stimolare e orientare l’interesse dei propri figli anche verso altre direzioni quali per esempio la lettura che sprigiona in modo deflagrante la fantasia e creatività, oppure verso la botanica facendo crescere un piccolissimo orto sul proprio balcone. Ogni attività fatta con gioco porterà con sé importanti momenti educativi.

Prendiamo per esempio l’orto: insegnerà al nostro bambino il rispetto verso la vita, il prendersi cura di un altro essere vivente, l’impegno quotidiano; tutte cose che lo renderanno un essere umano migliore.

Qualunque sia l’hobby che nostro figlio sceglierà, il nostro compito sarà quello di aiutarlo a compierlo al meglio, spronarlo e complimentarci con lui per i suoi successi.

Loading...
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti