Alimentazione

Carenza di vitamina D nei bambini: come rimediare?

Foto del Profilo
di Letizia Cicalese il
Commenti (0)

I pediatri italiani sostengono che gran parte dei nostri bambini soffre di carenza di vitamina D. Il motivo? Purtroppo, il poco tempo che trascorrono all’aperto. E’ un amaro effetto collaterale della vita moderna, lontana anni luce da quella che facevano i nostri genitori o i nostri nonni che giocavano tutto il giorno nei cortili o nei campi. Ovviamente la struttura delle città, delle abitazioni e i ritmi a cui le famiglie sono sottoposte tra lavoro, scuola e attività extrascolastiche non sono propedeutici per una sana vita all’aperto. Men che meno la cattiva abitudine coltivata da molti ragazzini di dedicarsi in maniera eccessiva a tv e videogiochi.

La vitamina D è fondamentale per un organismo in crescita per l’assimilazione del calcio e quindi per lo sviluppo dell’apparato osseo. Inoltre è coinvolta nella formazione del sistema immunitario del bambino.

Più della metà dei bambini soffre di carenza di vitamina D, dalla forma più lieve alla più grave. Una quantità notevole, se ci pensiamo. Come possiamo far si che i nostri figli siano ben coperti?

Un’esposizione al sole di circa 30 minuti, almeno tre volte a settimana, è sufficiente per sintetizzare una buona quantità di vitamina D. Sarebbe opportuno, se possibile, farla diventare un’abitudine regolare per tutta la famiglia.

Se necessario, i pediatri possono prescrivere degli integratori da somministrare ai bimbi o alle mamme che allattano.

Infine, un occhio all’alimentazione: i cibi ricchi di vitamina D sono le uova, soprattutto il tuorlo, alcuni tipi di pesce come sgombro e salmone, fegato e i latticini.

Un’ultima informazione: l’obesità, o comunque il sovrappeso, sono nemici dell’assimilazione di vitamina D la quale, essendo liposolubile, viene dispersa nell’organismo e non immagazzinata correttamente. Una ragione in più per condurre uno stile di vita più sano!

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
si parla di
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti